Le ultime ricette

Isole di funghi con cuore di latte

Isole di funghi con cuore di latte


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I funghi vengono puliti, lavati, privati ​​del picciolo e lasciati scolare e asciugare.

Il pastrami affumicato viene tagliato a strisce strette e lunghe.

Prendete un cappello a fungo, mettete 1/2 cucchiaino di formaggio Ceva Fin nella coda e 2 strisce di pastrami in diagonale.

Metti un pezzo di torsolo di latte sopra e premi leggermente per farlo riposare.

Mettere in una padella unta di burro e poi fare tutti uguali i funghi e metterli nella padella.

Mettere la teglia nel forno preriscaldato per 25-30 minuti fino a quando i funghi sono cotti e il cuore di latte è un po' rosolato.

Sbattere le uova con 2 cucchiai di latte, l'aneto tritato finemente, il formaggio grattugiato, sale e pepe.

Ungete una teglia di ceramica con un po' di burro e versateci dentro le uova.

Metti un fungo (isola) nella padella accanto a un altro fungo con una distanza tra loro.

Potrei metterne metà (ho fatto due frittate).

Metti la teglia in forno per 8-10 minuti fino a quando la frittata è pronta.

Togliere dal forno e servire.

È molto buono con pomodori, cetrioli e cipolle verdi.

Buon appetito!


Eugenii de casa

Eugenii de casa

Eugenii de casa

Ingrediente:

Crema al cioccolato

  • 4 cucchiai sm & acircnt & acircnă
  • 100 g di mandorle tritate
  • 1 tazza di zucchero a velo
  • sbucciare da una lama
  • 300 g di burro
  • 300 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di zucchero vanigliato
  • 8 pezzi di tuorli
  • 300 g di farina

Per i biscotti Eugenia

Metodo di preparazione

Setacciare la farina in una ciotola e aggiungere il burro morbido, i tuorli, il sale, la scorza di limone, lo zucchero vanigliato, la farina setacciata e le mandorle tritate. Mescolate leggermente con un cucchiaio e se l'impasto risultasse troppo denso, ammorbiditelo con la panna acida.
Impastare bene e lasciar raffreddare. Dopo che si sarà raffreddato sfornatelo, stendetelo con il mattarello e ricavate dei biscotti dalle forme particolari.
Disponete la teglia foderata di carta e infornate a 160°C.

Lasciar raffreddare e preparare la crema al cioccolato.

Mescolare lo zucchero con il latte, il cacao, le uova in un pentolino, portare a bollore e mettere da parte. Strofinare il burro con l'essenza di rum, il succo di limone e aggiungere la salsa al cioccolato.

Ungete i biscotti con la crema al cioccolato e incollateli a due a due.


Ricettario: Budino di funghi con besciamella

Ingredienti ricetta: farina, burro, latte, funghi, formaggio Telemea, uova, aneto, prezzemolo, sale, pepe.

Funghi impastati con formaggio grattugiato, stagionati e poi conditi con la soffice copertura di un budino ben rosolato in forno. una tentazione culinaria abbastanza facile da preparare.

Ingredienti: 100 g di farina, 100 g di burro, 250 ml di latte, 250 g di funghi (qualsiasi varietà), 100 g di formaggio Telemea, formaggio o parmigiano, 4-5 uova, aneto, prezzemolo, sale, un pizzico di pepe.

Preparazione: I funghi, ben lavati e strizzati un po', vengono passati al tritacarne. In una ciotola da 3 l posta sul fuoco, mettere il burro e la farina che si mescolano a scaldare per un minuto senza far colorire. Spegnete poi con il latte caldo aggiunto poco alla volta, mescolando bene, per non formare grumi. Togliete la ciotola dal fuoco, mettete subito i funghi, insieme al succo che sono rimasti, l'aneto tritato finemente e le foglie di prezzemolo e il pepe. Quando la salsa sarà quasi fredda aggiungete i tuorli e il formaggio grattugiato e aggiustate di sale. Gli albumi montati a neve si mescolano leggermente alla composizione, solo capovolgendo e poi si scartano in una padella da 2 l, preparata in anticipo. Cuocere per 40-50 minuti in padella con acqua calda, mettere in tempo in forno ben caldo. Servire cosparso di parmigiano o formaggio.


Ricetta: abeti.

Per questo Natale, oltre ai muffin e agli altri tipi di dolci che preparerò, ho pensato di provare qualcos'altro. Avevo visto una foto su internet, così ho pensato di fare dei biscotti a forma di albero di Natale. Sono facili da realizzare ed efficaci.

250 ml di burro - una tazza - l'ho sciolto

120 ml di zucchero - (1/2 tazza di zucchero)

2 bustine di zucchero vanigliato

Per il "legante" tra di loro ho usato il budino. Sembrava più facile e al momento ce l'avevo in casa, ma puoi usare qualsiasi crema.

In una ciotola capiente mescolate il burro con lo zucchero (se non l'avete sciolto prima, lavorate a bassa velocità finché lo zucchero non si scioglie, poi ad alta velocità finché non diventa cremoso). A parte mescolare a bassa velocità l'uovo con l'essenza di vaniglia. Aggiungere alla composizione precedente e mescolare. In una ciotola mescolate la farina con il lievito e il sale con una forchetta. Incorporare gradualmente alla composizione precedentemente miscelata, mescolando con una spatola. Ciò si traduce in un impasto che viene diviso in quattro e ogni pezzo di pasta viene appiattito in dischi. Avvolgere nella pellicola e mettere in congelatore per mezz'ora. Trascorsi i 30 minuti, sfornateli e stendeteli sul piatto cosparso di farina. Stendete una sfoglia adatta (né sottile né spessa) e usate delle formine per la forma.

Mettere in una teglia con carta da forno in forno preriscaldato a 180°C. Conservare per circa 10 minuti, fino a quando non saranno leggermente dorati.

Dopo aver lasciato raffreddare, preparare il budino secondo la ricetta sul retro della busta. I biscotti vengono posizionati in base alle dimensioni: la base è il biscotto più grande, viene aggiunto il budino, il biscotto successivo in grandezza e il budino e così via fino a quando non avremo dei bellissimi abeti. Dopo che il budino si è leggermente raffreddato, cospargere di zucchero a velo. Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

Riguarda la mia ricetta per i biscotti a forma di abete. Ho provato i biscotti bianchi con budino al cioccolato, ma a Natale farò anche i biscotti al cacao (aggiunto nella composizione) e budino o crema alla vaniglia. Puoi anche usare coloranti alimentari, così una crema bianca può diventare verde come il raso di abete.


Dieta ovo-latto-vegetariana: benefici per la salute e idee menu per una settimana

La dieta ovo-latto-vegetariana è forse il modo più semplice per passare a una dieta vegetariana, che si tratti di una scelta a lungo termine o che tu voglia semplicemente provare a rinunciare alla carne per un po', per vedere come ti senti. A causa della sua diversità e permissività, questa dieta è molto facile da mantenere e la ricchezza delle combinazioni alimentari non ti farà annoiare.

Rispetto alle sorelle pesco-vegetariane e vegane, questa dieta ha il grande vantaggio del nutriente vitale per l'organismo - proteina, che contiene tutti gli amminoacidi necessari nella nostra dieta e che costruisce e rafforza la massa muscolare, contribuendo attivamente al mantenimento del peso ottimale.

Chi fa della dieta ovo-latto-vegetariana uno stile di vita è protetti da carenze nutrizionali affrontato dai seguaci del veganismo (carenza di vitamina B12, ferro, calcio, zinco), il cui corpo è privato dei benefici dei prodotti animali. Perché, i nutrizionisti non incolpano questa dieta, la consigliano addirittura, a patto che tu non stia crescendo.

La dieta ovo-latto-vegetariana è consigliata a chi vuole dimagrire più facilmente, perché il calcio contenuto nei latticini fa sì che l'organismo bruci i grassi, mantenendo il tasso metabolico ad un livello ottimale. Così, i seguaci di questa dieta perderanno 20% in più grasso allo stesso numero di calorie consumate, rispetto alle persone che non consumano affatto latticini.

uovo contiene un lungo elenco di vitamine e minerali, essendo tra i più preziosi ferro, iodio, Vitamina B12, Vitamina A, Omega 3. È altresì l'unico alimento che contiene vitamina B7 (biotina), che svolge un ruolo cruciale nello sviluppo del cervello e nel corretto funzionamento del sistema nervoso, e l'unico alimento che contiene vitamina D., che garantisce la salute del sistema scheletrico.

Latte e latticini portano un contributo sostanziale all'organismo di proteine, calcio, magnesio, acido folico, vitamine B1, B2, B6, B 12 e vitamine A, D, E. È meglio mangiare varianti sgrassate o parzialmente sgrassate, che hanno meno grassi saturi e colesterolo, ma che conservano le loro quantità di calcio e altre vitamine e minerali.

Tra i prodotti lattiero-caseari, quello che ha guadagnato lo status di star è Yogurt, per i probiotici che contiene, quei batteri sani che stimolano il sistema immunitario, favoriscono il transito intestinale e riducono il rischio di cancro al colon. Un piccolo yogurt al giorno fa infuriare un adulto 50% dal fabbisogno giornaliero di fosforo e 40% della quantità raccomandata di calcio. Sono altrettanto sani kefir, sana e latte montato, considerati alimenti vivi.

Ti ho convinto dei benefici della dieta ovo-latto-vegetariana? Ecco alcune idee di ricette veloci ispirate alla cucina rumena e internazionale, per un menu completo, che puoi testare per una settimana:

Colazione: Una fetta di pane nero unto con un po' di burro, un uovo sodo e un bicchiere di succo d'arancia fresco.

Pranzo: Un'insalata greca - pomodori, cetrioli, peperoni, cipolle, olive, feta, avvolta nei sapori di olio extra vergine di oliva (un cucchiaio), aceto balsamico (un cucchiaino) e cosparsa di pepe e origano.

Spuntino: Brie con fichi e noci

Cena: Pasta zucca, pomodoro e parmigiano - Lessate la vostra pasta preferita insieme a un po' di sale a parte, mentre fate sobbollire in una casseruola con dentro antiaderente, ceramica o teflon, 2-3 zucchine a dadini con 2-3 peperoni Kapia tritati finemente e due cucchiai di olio d'oliva. Aggiungere, dopo che le verdure si saranno ammorbidite, il contenuto di una scatola di pomodori pelati tagliati a dadini, una testa d'aglio schiacciata, sale e pepe. Aspetta altri 5 minuti, poi puoi mescolare il sugo di zucca con la pasta. Aggiungete nel piatto un po' di parmigiano grattugiato e avrete una cena leggera e molto gustosa.

Colazione: Frullato da un bicchiere di latte, una banana, alcuni frutti di bosco congelati (lamponi, more, mirtilli) e una manciata di farina d'avena. Frullali tutti in un frullatore e goditi una bevanda aromatica e inaspettatamente piena.

Pranzo: Vellutata di patate con porri & #8211 vi occorre un rametto di porro (solo lato bianco), una cipolla piccola, 250 grammi di patate, un cucchiaio di burro, prezzemolo, pepe nero. Sciogliere il burro sul fuoco in una padella antiaderente, aggiungere i porri affettati, la cipolla tritata e le patate a dadini, mescolare per 5 minuti, quindi aggiungere 300 ml di acqua e far bollire il tutto per 15 minuti. Passare la zuppa in un frullatore con un po' di sale, quindi spolverare con pepe e prezzemolo.

Spuntino: Formaggio Roquefort con una pera

Cena: Muffin MBS - Questo piatto è in realtà la famosa polenta con formaggio e panna, con tre piccole varianti. Lessare la farina di mais come di consueto, e a parte mettere a bagno i funghi tagliati a dadini sul fuoco. Aggiungere, quando la polenta è quasi pronta, formaggio, formaggio grattugiato, panna e funghi. Mescolare, quindi mettere la composizione negli stampini da muffin e lasciare in forno per 15 minuti. Sembra delizioso, vero?

Colazione: Yogurt naturale a cui si aggiungono gherigli di noce, semi di canapa pelati e goji.

Pranzo: Soufflé di cavolfiore - una porzione si fa molto facilmente, con la salsa di un cucchiaino di farina, una tazza di latte, un cubetto di burro e due cucchiai di parmigiano grattugiato, che inonda il cavolfiore dorato nel forno in una piccola ciotola di yena.

Spuntino: Un kefir e una manciata di anacardi.

Cena: Riso selvatico, con insalata di spinaci e arance - Potete cuocere il riso sia semplicemente, solo con acqua, sale e burro, sia aggiungendo delle verdure, secondo le vostre preferenze. A questo pasto, l'insalata sarà la protagonista. Scaldate 4 cucchiai di olio in una padella e fate rosolare circa 25 grammi di mandorle tritate. Nel frattempo frullate le foglie di spinaci con fettine sottili di tre arance, una cipolla rossa tagliata ad anelli, aggiungendo una salsa di aceto di vino rosso, olio di vinaccioli e un cucchiaino di zucchero. Cospargete con le mandorle e godetevi il gusto delicato.

Colazione: Riso al latte, insieme a un cucchiaio di marmellata di fragole.

Pranzo: Insalata di hummus e cavolo rosso con cipolle rosse, uvetta e limone.

Spuntino: Insalata caprese, mozzarella, pomodoro e basilico.

Cena: Spiedini con funghi, peperoni, pomodori, cipolle e formaggio halloumi, l'irresistibile formaggio tradizionale cipriota.

Colazione: Due banane tagliate a metà per il lungo, unte con burro di arachidi, insieme a un bicchiere di latte al cacao.

Pranzo: Guacamole in pasta con due triangoli di focaccia al formaggio.

Spuntino: Frutta sana e secca, insieme a una piccola manciata di semi di zucca.

Cena: Zuppa di lupo mannaro in cui hai aggiunto un uovo crudo dopo aver spento il fuoco. Le strisce di albume schiariranno la zuppa e le daranno la consistenza di cui ha bisogno.

Colazione: Nei fine settimana hai più tempo al mattino, così puoi preparare questo delizioso hamburger vegetariano con tuorlo d'uovo, formaggio, avocado, peperone, lattuga e salsa allo yogurt (yogurt con un cucchiaino di senape, sale e pepe).

Pranzo: Pentole di verdure con zucchine, melanzane, pomodori, sedano, patate, cipolle e tanto prezzemolo verde. Non dimenticare qual è il segreto più importante della pentola: non mettere l'acqua! Le verdure ne hanno abbastanza e permettono così ai vari sapori di intrecciarsi, per un gusto intenso e autentico.

Spuntino: Due manciate di popcorn con salsa di formaggio.

Cena: Zuppa di crema di formaggio con asparagi bianchi - coccola i tuoi sensi con questa prelibatezza ispirata alla cucina francese: occorrono 4-5 gambi di asparagi bianchi, una patata, una cipolla e 250 grammi di formaggio stagionato. Soffriggere le verdure in poco olio, quindi aggiungere un litro d'acqua e farle bollire. Frullate il tutto in un frullatore, poi rimettetelo in padella, a fuoco basso, aggiungendo gradualmente il formaggio, dandogli il tempo di sciogliersi. Cospargete di peperoncino quando mettete la zuppa nel piatto, prima di assaporare un gusto straordinario e confortante.

Colazione: Frittata con funghi - è una specie di frittata, ma un po' più elaborata e preparata al forno. Servono due uova, un cucchiaio di panna acida, un cubetto di burro, un cucchiaino di olio, un peperone, una cipolla, 100 grammi di funghi, qualche pomodorino e, ovviamente, aneto e prezzemolo.

Pranzo: Zuppa di Cheddar Pea Cream - Lessate una cipolla, un sacchetto di piselli surgelati, una patata e un po' di sedano in un litro d'acqua. Quando è pronto, frullare il tutto in un frullatore con un cubetto di burro. Cospargere di formaggio chedar grattugiato e peperoncino sul piatto. La combinazione di gusti e consistenze ti conquisterà per sempre.

Spuntino: Purea di mango - Passare con il mixer verticale un mango e una banana con un po' di latte. Otterrai subito uno spuntino sano e gustoso.

Cena: Parmigiano con melanzane - una grossa melanzana tagliata a fette, rotolata nell'uovo e un composto di 50 grammi di farina con un po' di origano, messa in padella con due cucchiai d'olio, da ogni lato, finché le fette non diventano dorate. Mettere in una teglia e cospargere sopra un quarto di litro di succo di pomodoro, mozzarella e parmigiano. Mantieni la meraviglia in forno per altri 10 minuti, poi lasciati immergere nei sapori mediterranei.


Fiabe.

Prodotti tradizionali, creati con amore, 100% naturali, autentici moldavi!

Zacusca moldava con funghi

E se è ancora l'inizio dell'autunno ed è il momento delle zacuste, in questi giorni abbiamo preparato un'altra rete di zacusca, un nuovo assortimento, con i funghi, ecco, nostalgia del tanto atteso ghebe di quest'anno & #8230

La preparazione delle verdure e il modo di lavorare sono avvenuti esattamente come a melanzana,con l'eccezione che, oltre agli altri ingredienti, nella composizione erano inclusi anche i funghi & #8220delizioso & #8221. Champignon.

Cosa è uscito alla fine? Una meravigliosa zacusca, dolce e gustosa, buona solo da spalmare su una fetta di pane casereccio appena sfornato & #8230.

Certo che sta aspettando che tu lo goda boutique Nostro !

3 commenti:

Hai una zacusca come questa in vendita?Grazie!

Sì, lo stock verrà rinnovato la prossima settimana! Basta seguire il negozio online!


Funghi con maionese cruda

Ricordo un capodanno passato insieme nel 1992, credo. c & intorno tutto il giorno abbiamo cucinato insieme e abbiamo fatto la fame per salvarci per la grande notte!

E quando ci siamo seduti a tavola, ho mangiato tanti funghi in latta con l'odore di latta, in abbinamento alla maionese con tanto olio, che ancora non so che sono stata male per giorni! A & icircnceput de an scr & acircntit.

Per te, mia cara Monica, per me e per tanti altri nostalgici, ho reinventato i "funghi maionese" in modo più sano. Ma attenzione: anche in questo abbinamento non si mangia in piena notte :)

Tempo di preparazione: 15 minuti

Ingrediente:

il succo di mezzo limone & acircie

un pizzico di curcuma per il colore e non solo.

un cucchiaino di phyllium

6 - 7 funghi shiitake freschi

Trasformare in una maionese fine e frullatore, quindi aggiungere i funghi e i cetrioli tritati finemente!


Paula Seling è più sana da quando ha mangiato vegano

"Una delle migliori decisioni per la mia salute è stata quella di rinunciare alla carne di qualsiasi tipo e, più recentemente, a tutti i prodotti animali. Mi sento perfetta, mangio più del 60% dei pasti che mangio crudi e non mi sono mai sentita più piena. Non è un processo facile, ma mi ha aiutato ad abituarmi a mangiare una grande insalata ad ogni pasto. E i documentari "What the Health" e "Forkes over Knives" così come il libro "Study of China" mi hanno fatto capire di più. Mi sono rivolto a un nutrizionista che mi ha spiegato, come racconta nel documentario, che il nostro “bisogno” di proteine ​​animali è un mito e che, nella dieta onnivora, spesso ci mancano fibre, vitamine, provenienti dalle piante. L'uomo moderno consuma troppe poche piante e troppa carne, uova, latte", ha spiegato Paula Seling sulla sua pagina Instagram


Contenuto

L'antenato comune di funghi e animali era probabilmente un organismo unicellulare flagellato vissuto più di un miliardo di anni fa. Una scoperta in un'ardesia di 850 milioni di anni in Canada viene talvolta interpretata come un fossile di funghi. Le presunte scoperte in Cina e Australia, vecchie di 1,5 miliardi di anni, devono ancora essere confermate come funghi. Le prime scoperte in gran parte indiscusse risalgono al periodo geologico dell'Ordoviciano e possono essere attribuite a funghi micorrizici arborei. Funghi fossili sono stati trovati anche nell'ambra, tra l'altro, su noti giacimenti di carbone in Scozia e Inghilterra, nel tardo Triassico, carnivori in Germania, e in notevole biodiversità nell'ambra canadese del Cretaceo e del Terziario e del Baltico canadese. In alcuni di questi ritrovamenti si trovano funghi che attaccavano termiti e nematodi, essendo chiusi dalla resina insieme ai loro ospiti. [1] [2] [3]

Mentre la stragrande maggioranza dei funghi che compaiono oggi non sviluppa più flagelli, spore flagellate o gameti compaiono durante la riproduzione delle specie nel cluster. Chitridiomicota. I funghi probabilmente hanno lasciato l'acqua prima delle piante e hanno colonizzato la superficie terrestre. Poiché le prime piante terrestri conosciute non avevano ancora vere radici, ma vivevano ovviamente in simbiosi con funghi arborei micorrizici della divisione Glomeromycota, si presume che questi funghi rendessero difficilmente possibile alle piante di colonizzare questo terreno. Il successo del passaggio delle piante non sarebbe stato possibile senza la simbiosi con le spugne. [4]

Modifica sistematica

Circa 100.000 specie sono conosciute nel Regno dei funghi. Secondo le stime attuali (2017), tuttavia, sono tra i 2,2 e i 3,8 milioni. [5] Il Regno è così suddiviso: [6]

  • Classe I: Ficomicota
  • Classe II: Eumycota
    • Sottoclasse 1: Ascomycota
      • Sezione a: Protoascomiceti sin. Saccharomycetales
      • Sezione b: Euascomycetes (Plectascales, Pseudosphaeriales, Sphaeriales, Pezizales)
      • Sezione a: Olobasidiomiceti
      • Sezione b: Phragmobasidiomycetes sin. Eterobasidiomiceti (Uredinales, Ustilaginales)

      Modifica dell'ontogenesi

      A causa della mancanza di cromatofori, i funghi non sono adatti all'assimilazione.

      Alcuni vivono come parassiti o saprofiti sulla terraferma o in acqua dolce, molto raramente in mare. Alcune specie non sono solo eterotrofi per ossigeno e azoto, ma anche per altre sostanze attive. Il loro corpo fruttifero è costituito in gran parte da cellule ramificate a forma di tubo, che spesso contengono più di un nucleo aploide. Le ife (pareti, filamenti sottili) sono composte principalmente da chitina, solo raramente da cellulosa. La somma delle ife è detta micelio. Alcuni organismi unicellulari nel cluster ficomicota, soprattutto di Ascomycota, non forma micelio. eucarioti mixogastria peccato. mixomiceti, funghi viscosi plasmodi, possiedono corpi vegetativi formati in modo completamente diverso. Si possono coltivare più o meno tutte le varietà.

      Un'altra parte pratica una forma di simbiosi tra loro e le piante in cui un fungo entra in contatto con il sottile apparato radicale di una pianta, chiamato micorriza. Qui ci sono varietà con ife settate trasversalmente come altre, dove manca questa differenziazione. Nelle forme asettiche, l'intero micelio può essere visto come una singola cellula multinucleare (sincizio). Anche le forme settate di Ascomiceti e molti funghi imperfetti devono essere visti come sinceri. Le pareti trasversali si formano in questi organismi solo per la separazione degli organi riproduttivi. Le pareti trasversali conservano un nucleo cellulare centrale di dimensioni variabili a causa della cessazione prematura della sintesi della parete per incarnazione centripeta. Questo poro consente non solo un contatto con il plasma delle cellule vicine, ma anche l'incrocio dei nuclei cellulari come altri organi cellulari. Solo nei Basiomiceti esiste una classificazione in cellule vere, paragonabili a quelle delle piante superiori. Le ife dei funghi superiori possono materializzarsi durante la formazione del corpo fruttifero in un quasi tessuto. Queste specie non possono essere coltivate in generale. [6]

      Caratteristiche generali del ramoscello di Eumycota in breve Modifica

      • Organismi eucarioti
      • la maggior parte sono multicellulari
      • organismi eterotrofi
      • popola qualsiasi ambiente
      • nemotile
      • crescita continua
      • la presenza della parete cellulare
      • la membrana cellulare (quando presente) è composta da micocellulosa o micosina
      • la presenza di chitina, callo, ecc. all'interno della parete cellulare sono completamente assenti
      • formazione di urea
      • moltiplicazione per spore contenenti sostanze di riserva: glicogeno e goccioline di grasso.

      Modifica dell'ultrastruttura

      Alla maggior parte dei rappresentanti del regno fungoso la struttura del corpo è in qualche modo simile. Ecco alcune caratteristiche comuni:

      I funghi si riproducono sia asessualmente che sessualmente.

      Riproduzione asessuata Cambiamento

      Nel caso dei funghi, la riproduzione asessuata (vegetativa) è molto comune. La moltiplicazione non avviene attraverso la formazione di cellule sessuali, ma attraverso la formazione di agameti (spore che formano un nuovo organismo senza fusione con un'altra cellula) di cui alcune specie mancano addirittura. Queste spugne sono chiamate funghi imperfetti. Esistono diversi tipi di spore, ad esempio: [6] [7] [8]

      • Artrospore (oidio): sono causate dalla rottura delle ife nelle singole cellule.
      • Ascospore: sono vasi a forma di sacco allungato, in cui avviene la meiosi fungina e in cui si formano ascospore aploidi, che a loro volta rappresentano una forma di diffusione ad alcuni tipi di funghi. La sporulazione è spesso necessaria per generare rapidamente la prole, ad esempio per superare i periodi di fame.
      • Blastospore: si formano come protuberanze all'apice delle ife o in altre posizioni e maturano dalla base. Si separa senza formazione di setti. Se le blastospore si formano su assi minori, vengono chiamate simpodiospore.
      • Clamidospore: immobili, con pareti grossolane, si sviluppa per intercalazione (ristretta a determinate zone) o per rigonfiamento delle teste ife, sia all'interno delle ife che attraverso la cosiddetta germinazione. I funghi terrestri e acquatici possono svilupparli in condizioni di vita sfavorevoli.
      • Conidiospore: per costrizione all'apice di alcune ife fungine si formano i cosiddetti conidiofori, dai quali successivamente vengono liberate le conidiospore. Sono esospore.
      • Porospore: con pareti spesse si formano singolarmente o ai vertici tramite pori nella parete cellulare dell'ipora portatori di spore e si possono formare anche come catene che crescono dalla base alla punta.
      • Sporangiospore: si formano endogenamente in speciali ife, i cosiddetti sporangi (in Phycomycota), contenitori di frutta a forma di sacco, all'interno dei quali si sviluppano le sporangiospore.
      • Zoospore: si trovano solo nei funghi acquatici, essendo spore flagellate che si sviluppano in modo endogeno negli zoosporangi.

      Riproduzione sessuale Cambiamento

      Il principio della riproduzione sessuale che non produce prole identica, a differenza della riproduzione asessuata, è la formazione di nuove spore geneticamente composte (meiospore) dopo fusione cellulare (plasmogamia), fusione nucleare (cariogamia) e divisione cellulare (meiosi).

      I funghi possono formare conidi con spore sessuali. Di solito sono aploidi, quindi hanno solo un semplice set di cromosomi nei loro nuclei cellulari e attraversano solo una breve fase diploide con due set di cromosomi durante la riproduzione sessuale. Due spore si fondono completamente (tra cui cariogamia, plasmogamia) e formano una nuova cellula diploide. Tra di loro c'è una fase con due nuclei nei funghi basidiomicota e la maggior parte dei funghi Ascomycota che non è noto ad altri esseri viventi. In questa fase, ogni cellula contiene due nuclei aploidi di diversa origine "parentale". Questi processi sono possibili anche in alternativa, in modo che i funghi possano passare tra organismi aploidi e diploidi, nonché tra riproduzione sessuata e asessuata. Il corso dei processi sessuali differisce notevolmente nei diversi reparti sistematici dei funghi. Tali varietà sono chiamate Funghi perfetti. [9] [10]

      Funghi mucoromicota e zoopagomicota non formano corpi fruttiferi, ma esistono solo come micelio multinucleare. In essi, le ife vicine emettono estensioni, chiamate gametangi, che si combinano a forma di giogo. Il punto di contatto quindi si gonfia, le pareti cellulari che si separano si dissolvono e il prodotto della fusione multinucleare viene isolato dai due gametang mediante partizioni. La fase diploide si ottiene fondendo a coppie i nuclei cellulari. [11] [12]

      Infine, va notato che la formazione dei corpi fruttiferi è associata ad un notevole aumento dell'attività metabolica, perché formano considerevolmente più proteine ​​e acidi nucleici rispetto al micelio e per questo è richiesto un maggiore consumo di energia, che è anche si riflette in un corrispondente aumento del consumo di ossigeno. [13]

      Schema dei tipi di riproduzione (possibile) Modifica

      I funghi agiscono come decompositori di materiali organici morti (saprofiti), si nutrono come parassiti di altri esseri viventi o vivono in simbiosi reciproca (mutualistica) con piante (micorrize) o insieme ad alghe azzurre (licheni). A causa della distribuzione molto efficiente delle spore, sono praticamente ovunque dove è disponibile un substrato adatto e possono generalmente utilizzare una gamma molto ampia di fonti di cibo. [14]

      • Saprofiti: ci sono da un lato specie che crescono su terreni ricchi, foglie, immondizia, letame di cavallo, ecc. (di cui si nutrono), invece spugne che possono scomporre e utilizzare quasi esclusivamente la lignina. Sono anche gli utilizzatori più importanti nella scomposizione di cellulosa, emicellulosa e cheratina. Insieme a batteri e piccoli organismi animali, formano l'humus dai rifiuti organici. L'importanza dei funghi nella degradazione della lignina e soprattutto dei tronchi molto ricchi di lignina degli alberi morti è evidenziata in diversi modi. Solo i funghi, in particolare alcune varietà del cluster Basidiomycota, raggruppate sotto il nome di "funghi del marciume bianco" (termine usato per descrivere la decomposizione del legno da parte dei funghi, quando decompongono principalmente la lignina bruna e rimangono cellulosa incolore), sono in grado di decomporre pezzi di legno morto effettivamente più grandi. Questi nutrienti organici vengono convertiti in sostanze inorganiche, come anidride carbonica o nitrati. A differenza dei batteri, alcuni dei quali possono sfruttare al meglio i prodotti disponibili della lignina già parzialmente degradata, i funghi con le loro ife entrano attivamente nel legno, avendo gli enzimi necessari per una degradazione complicata e ad alta intensità energetica. L'ossigeno è assolutamente necessario per questo processo di degradazione. In caso contrario, il legno viene stoccato a lungo, ad esempio nelle torbiere) e infine trasformato in carbone per lunghi periodi geologici. [15] [16]
      • parassiti: quando un fungo parassita una pianta, entra nelle sue cellule con ife specializzate, che consentono al parassita di entrare nei suoi tessuti ospiti e di assorbire i nutrienti da essi (ad esempio specie come Armillariella su legni teneri). Penetrano nella parete cellulare, ma lasciano intatta la membrana cellulare (altrimenti il ​​plasma cellulare scapperebbe e la cellula ospite morirebbe), avvolgendola solo in modo che ora sia circondata da una doppia membrana. Questo processo consente la rimozione dei nutrienti dal plasma della cellula ospite. I funghi parassiti sono spesso specializzati per determinati organismi ospiti. Per trovare quelli giusti, hanno sviluppato diversi metodi. Innanzitutto producono grandi quantità di spore, aumentando così la possibilità che alcune di esse raggiungano piante ospiti compatibili. Funghi fuori uso Meteo a Pucciniales (funghi ruggine) ad esempio infestano principalmente steli e foglie. Au un ciclu de viață complex, care include adesea schimbul gazdei. O serie de reprezentanți au o importanță economică, deoarece afectează culturi agricole (de ex. Puccinia graminis pe cereale, Puccinia striiformis pe grâu sau Melampsorella caryophyllacearum pe brad argintiu). Alte specii au învățat să se răspândească eficient prin insecte care vizitează plantele gazdă. Astfel sunt transportate anumite drojdii care trăiesc în nectar de la floare la floare. Sporii Monilinia fructigena, agentul cauzator al putregaiului fructelor ai pomilor fructiferi, sunt răspândiți prin viespi, care în același timp asigură acces ciupercii prin roaderea fructelor. Specii din ordinul Ustilaginales pot trăi saprofitic în sol pentru ani de zile fără plante gazdă. Un exemplu este Ustilago maydis (focul porumbului): până la 12 ani mai târziu, s-au găsit micelii infecțioase într-un câmp afectat de el care parazitează imediat plantele proaspăt semănate din nou. [17][18] De asemenea, animale și oameni pot suferi de infecții fungide când vin în contact cu sporii ciupercilor din ordinul Dermatophytes, ca de exemplu Microsporum canis care infestă în special câini și pisici (20%), rar și oameni [19] sau cunoscutul picior de atlet (Tinea pedis). [20]
      • Micorizanții: sunt cuprinși în multe familii de ciuperci mari ai încrengăturii Basidiomycota (de ex. Amanitaceae, Boletaceae, Cantharellaceae, Russulaceae, Suillaceae) unde miceliul ciupercilor se înfășoară în jurul rădăcinilor copacilor drept teacă miceliară, pătrunzând în scoarță, dar nu și în celule (ectomicoriză). Dar în număr mult mai mare se găsesc ciuperci foarte mici din diviziunea Glomeromycota care formează asociații micorizale arboricole, pătrunzând în celulele scoarței. Cu toate sunt cele mai valoroase ciuperci pentru natura. Ele formează asociații micorizale cu plantele, transferând apă și diferite substanțe anorganice, în special fosfați și minerale, către rădăcini, deoarece miceliile fine pătrund în sol mai îndeaproape decât ar putea rădăcinile de aspirație, primind în schimb carbohidrați, în special zahăr, pe care îl produce planta prin fotosinteză. Fungi nu au putea trăi fără această simbioză, deoarece nu sunt capabili să producă substanțe organice. Dar, la rândul lor, și unele plante ar supraviețui foarte greu fără ajutorul acestor ciuperci. Între rădăcinile bureților și rădăcinile copacilor are loc un contact foarte apropiat. Această alimentare mai bună se observă în special la soluri foarte sărace. Cea ce privește ciupercile arboricole trebuie menționat, că uneori ele pot împiedica creșterea plantei. [21][22]

      Orhideele reprezintă un caz extrem, multe dintre ele fiind deja dependente de partenerii lor simbiotici fungizi atunci când semințele lor germinează în condiții naturale. Unele orhidee, de exemplu Neottia nidus-avis, nu conține clorofilă și, prin urmare, nu poate fotosinteza, ci obține toate nutrimentele din ciupercă, pe care astfel o parazitează. [23]

      • Lichenii: au o poziție specială. Sunt ciuperci care adăpostesc alge albastre-verzi unicelulare ca simbionți și, prin urmare, sunt fotoautotrofe, adică nu sunt dependente de sursele alimentare externe datorită fotosintezei simbionților lor. Spre deosebire de oricare dintre parteneri singur, ei pot coloniza habitate extreme. Ciupercile în cauză sunt însă greu viabile fără simbionții lor, în timp ce aceia din urmă pot prospera și izolat. Pentru licheni, avantajul simbiozei este, că se deschide o gamă mult mai largă de habitate pentru ei. [24]
      • Specificări

      - Specii marine și xerofile

      Ciupercile, în special din încrengătura Ascomycota, sunt de asemenea răspândite în habitatele marine, adică într-un mediu extrem de salin, fiind paraziți de plante și animale din mare. Ele combat presiunea osmotică ridicată prin îmbogățirea adecvată a poliolilor (alcooli superiori), în principal ai glicerinei, dar și a mannitolului și a arabitolului în hife. Situația este similară cu mucegaiurile și drojdiile xerofile (organisme extremofile care pot să trăiesc și să se reproducă în condiții cu o disponibilitate redusă de apă). Cresc de exemplu pe care pot să se dezvolte pe hering murat sau pe marmeladă. [25]

      Cele mai multe ciuperci sunt organisme aerobe. Dar unele sunt anaerobe, se pot descurca adică ori temporar fără oxigen (anaerobie opțională), de exemplu drojdii care trec la fermentație sub aceste condiții, trăind pe zahăr (pentru ele mult mai eficient decât cu respirația aerobă), ori chiar au pierdut capacitatea de a-l folosi deloc (anaerobie obligatorie) ca speciile familiei Neocallimastigaceae, care trăiesc în rumenul rumegătoarelor fiind specializate în utilizarea celulozei. [26]

      Ciupercile pot popula aproape orice mediu de trai, cu respectarea anumitor condiții, valabile pentru cele mai multe specii terestre:

      • prezența substratului organic
      • lipsa luminozității prea mari
      • temperatură ridicată
      • umezeală destulă.

      Pentru om, ciupercile joacă un rol atât pozitiv, cât și negativ. Vezi și mai jos sub "legăturti externe".

      Există specii ușor de identificat, dar altele, unde o confuzie este posibilă și uneori cu un rezultat fatal. Câteva exemple în detaliu:

      - Ordinul Agaricales este cel mai periculos. Astfel speciile letale din genul Amanita (Amanita phalloides, Amanita verna, Amanita virosa) respectiv destul de toxice ca Amanita gemmata, Amanita pantherina) sau cele din genul Clitocybe cu de exemplu Clitocybe dealbata (+), Clitocybe fragrans, Clitocybe rivulosa (+) precum cele din genul Cortinarius (Cortinarius cinnamomeus, Cortinarius gentilis (+), Cortinarius orellanus (+), Cortinarius rubellus (+) sau Cortinarius traganus), au nu rar o mare asemănare cu soiuri comestibile. Soiurile ale genului Inocybe sunt cu toate grav otrăvitoare, pe când cele de Gomphidius și bureții familiei Hygrophoraceae cu toate comestibile. Mai departe tot se mai culeg specii declarate comestibil în cărți micologice mai vechi care însă sau dovedit între timp posibil mortale ca de exemplu Paxillus involutus sau Tricholoma equestre. Galerina marginata a provocat nu puține otrăviri letale prin confundarea cu de exemplu Flammulina velutipes sau Kuehneromyces mutabilis, la fel și Pleurocybella porrigens.

      - Ordinul Boletales cuprinde specii cu pori albi până gălbui (verde-gălbui) și altele cu pori roșiatici până roșii. La cele cu porii deschiși nu există surate toxice, unele însă fiind necomestibile din cauza gustului amar (Boletus calopus, Boletus radicans, Tylopilus felleus). La cele cu porii roșii o confuzie de specii comestibile cu cele otrăvitoare, dar nu letale, este destul de ușoară, ca de exemplu cu Boletus lupinus, Boletus rhodoxanthus sau Boletus satanas).

      - Ordinul Cantharellales nu cunoaște ciuperci necomestibile sau chiar toxice.

      - Ordinul Polyporales cunoaște preponderent ciuperci comestibile. Unele specii nu pot fi mâncate, fiind amare sau de consistență dură.

      - Ordinul Russulales are reguli proprii. Pentru genurile Lactarius, Lactifluus și Russula contează, că toți bureții fără miros neplăcut precum gust iute sau neconvenabil sunt comestibili. Chiar și unii din acei iuți ar putea fi mâncați. [27] [28]

      - Încrengătura Ascomycota cunoaște ciuperci de mucegai foarte toxice (Hypomyces chrysospermus, Serpula lacrymans), dar și de exemplu drojdia foarte utilă. Cea ce privește familiile cu ciuperci mai mari se poate spune că Morchellaceae-le sunt cu toate comestibile, dar Helvellaceae-le au în rândul lor specii otrăvitoare sau suspecte, nu mereu ușor de identificate, fiind astfel numai ceva pentru cunoscători.

      Mai multe amănunțiri vedeți pe pagina descriptivă a ciupercilor.

      Aceste ciuperci conțin substanțe psihotrope ca de exemplu psilocibina, psilocina, muscimolul sau ergotină. Cele mai cunoscute sunt ciupercile care conțin psilocibină Efectele lor sunt uneori comparate cu cele ale LSD-ului. Acestea includ specii exotice, cum ar fi Psilocybe cubensis dar și specii autohtone, ca de exemplu Mycena pura, Pluteus salicinus sau Psilocybe semilanceata. Amanita muscaria și Amanita regalis conțin acid ibotenic și derivatul muscimol toxici și psihotropi, mult mai eficienți în stadiu uscat. Ambele substanțe sunt clasificate ca deliranți. [29] Pe lângă alte substanțe toxice, Claviceps purpurea conține și ergotină. [30] Ciupercile psihoactive au avut și mai au o semnificație spirituală drept substanțe enteogene pentru diverse popoare indigene. [31] Culegătorii de ciuperci neexperimentați riscă să culeagă ciuperci care conțin aceste substanțe. Din păcate și mulți oameni tineri experimentează cu acești bureți fără a se gândi la efectele nocive pentru sănătate.

      În lume, există peste 100 de specii de ciuperci utilizate in scop terapeutic, mai ales în China și Japonia. Acestea conțin proteine, aminoacizi, vitamine, minerale si multe alte microelemente active, ajungând sa fie agenți adjuvanți in terapiile complementare ale multor afecțiuni. [32] În Europa și America de Nord ciupercile au fost folosite și în scopuri medicinale de la începutul secolului al XX-lea. Medicamente ca antibioticul penicilină sunt obținute din ciuperci. Alți metaboliți ai ciupercilor scad colesterolul sau ajută împotriva malariei (Metarhizium pingshaense proiectat genetic). [33]

      - Un mare rol joacă cultivarea în mase a ciupercilor mari comestibile saprofite și parazite. Cele mai cunoscute sunt Agaricus bisporus, Auricularia auricula-judae, Lentinula edodes, sin. Lentinus edodes și Pleurotus ostreatus. [34] .

      - Dintre ciupercile unicelulare, drojdiile de zahăr din genul Saccharomyces, în special drojdia de brutar Saccharomyces cerevisiae, dar și Saccharomyces bayanus, Saccharomyces ellipsoides și Saccharomyces uvarum (există peste 1.500 de specii), sunt cele mai cunoscute ciuperci utile în acest domeniu. Acestea produc alcool și dioxid de carbon prin fermentația alcoolică și sunt folosite la coacerea unui aluat, în prepararea de bere, la producerea vinului, a altor băuturi alcoolice precum a anumitor produse (de asemenea slab alcoolice) de lapte covăsit (de ex. Chefirul). [35] De regulă, drojdia folosită astăzi este cultivată, produsă biotehnologic, dar cea care trăiește în mod natural pe suprafața strugurilor este încă folosită în multe cazuri, în special în producția de vin. Pe lângă bacteriile cu acid lactic, plămădeala folosită în pâinea de copt conține și ea drojdie. [36] Ciuperca de mucegai Botrytis cinerea joacă, de asemenea, un rol în producția vinului. Pe vreme răcoroasă și umedă de toamnă, produce un putregai asupra boabelor, ceea ce cauzează perforarea pielii boabelor. În urmă, ele pierd apă, lăsând în urmă un procent mai mare de solide, cum ar fi zăhări, acizi fructici și mineralii, având ca rezultat un produs final mai concentrat și intens. Château d’Yquem este singura Premier Cru Supérieur, în mare parte datorită susceptibilității podgoriei pentru așa numitul putregai nobil. [37] Pe de altă parte, ciuperca este foarte dăunătoare pentru de exemplu căpșuni sau roșii. [38]

      - Multe tipuri de mucegai (Penicillium candidum, Penicillium camemberti, Penicillium roqueforti, Penicillium glaucum etc.) joacă, un rol important în procesul de maturare a produselor lactate, în special a produselor lactate acre și a brânzeturilor (de ex. Blue Stilton, Gorgonzola, Roquefort, infestate cu mucegaiul albastru sau Camembert și Brânză de Brie cu cel alb). [39] [40] În contrar, putregaiul de pâine Rhizopus stolonifer care dăunează și de exemplu cartofii dulci căpșunii, papaya, prunele sau roșiile este foarte toxic pentru om și animal. [41]

      Cel mai mare post sunt ciuperci saprofite și parazite cultivate. Agaricus bisporus este cel mai important burete comestibil cultivat în întreaga lume. El a fost crescut pentru prima dată la Paris de Olivier de Serres (1539-1619) pe vremea regelui Ludovic al XIII-lea al Franței. Au urmat Agaricus bitorquis, care efectuează carne mai tare precum șampinionul brun, derivat din Agaricus silvaticus. [42] [43] Agaricus subrufescens sin. Agaricus blazei este un șampinion cultivat în Orientul Îndepărtat și America de Sud datorită proprietăților medicinale vestite, ce i se atribuie din vechi timpuri, între altele împotriva cancerului. El se folosește în medicina alternativă. [44] Dar dovezi științifice lipsesc până astăzi. [45] La nivel mondial s-au produs circa 1,5 milioane tone ciuperci anual (2011). Pe plan european se produce aproximativ 60% din această cantitate, adică în jur de 900.000 tone, principalele țări producătoare de ciuperci fiind Franța, Polonia, Italia și Ungaria. Dintre toate speciile de ciuperci, românii preferă specia Agaricus (Champignon), în timp ce în străinătate este mult mai apreciată specia Pleurotus, [46] iar în Asia de Est soiurile Mu-Err și Shiitake.

      Mulți bani se fac de asemenea cu pulberi, tincturi și capsule din „ciuperci medicinale”. Dar efectul este îndoielnic. [47]


      Comentarii (0)

      Fisiere cookie: Noi le folosim pentru a adapta site-ul la interesele si preferintele tale. Navigand in continuare, esti de acord cu politica de cookie-uri. Afla mai multe aici. ACCEPTA


      Video: 5 EKSPERIMENT PERSILANGAN M4NUSIA DAN HEW4N (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Brendt

    È capitato casualmente al forum e ha visto questo argomento. Posso aiutarti per un consiglio. Insieme possiamo arrivare alla risposta corretta.

  2. Karamar

    In questo qualcosa è eccellente, manteniamo.

  3. Tarr

    C'è un sito, con una grande quantità di informazioni su un tema che ti interessa.

  4. Lyndon

    Scusa, ho pensato e il pensiero mi ha portato via

  5. Hakizimana

    In esso qualcosa è. Ora tutto è diventato chiaro, molte grazie per l'aiuto in questa materia.



Scrivi un messaggio