Ultime ricette

La guida definitiva ai formati di pasta

La guida definitiva ai formati di pasta


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La pasta è un alimento semplice e meraviglioso. È lassù con pizza, gelato e tiramisù come una delle grandi invenzioni culinarie uscite dall'Italia.

Alcuni credono che Marco Polo l'abbia portata dall'Estremo Oriente, e alcuni addirittura dicono che sia di origine greca o araba – e probabilmente c'è del vero – ma che sia stata davvero inventata lì o no, la casa della pasta è l'Italia. In effetti, è così vicino al cuore del mentore di Jamie, il leggendario Gennaro Contaldo, che crede che la pasta abbia un posto nella dieta di tutti.

Un impasto base per la pasta è una delle ultime ricette a basso costo e ad alta ricompensa, e la forma che assume dopo fa la differenza nel modo in cui viene servito. Con un twist, roll and tuck, o con giudiziosa fossetta o twiddle, emergerà un tipo di piatto completamente diverso. Chi l'avrebbe mai detto?

Gli italiani, ecco chi – ed ecco alcuni dei loro capolavori.

Spaghetti

C'è un motivo per cui gli spaghetti sono così amati: la soddisfazione di masticare un bel fagotto di tagliatelle, arrotolate con cura intorno alla forchetta, è una cosa bellissima. Gli spaghetti vengono solitamente serviti con salse di pomodoro sfuse e dolci; niente sugo, nel caso dei famosi spaghetti alla romana Cacio e Pepe (letteralmente cacio e pepe); o il brodo leggerissimo ma dal sapore deciso che si ottiene con un buon spaghetti alle vongole.

Penne

Le penne sono tubolari e tagliate ad angolo per assomigliare alla punta di una vecchia penna d'oca. Le creste aiutano i sughi di pomodoro o di verdure più spessi ad aderire alla pasta, garantendo il giusto rapporto con ogni pezzo, che si tratti di una classica carbonara con un meraviglioso tocco vegetariano o di un'indulgenza fatta con zucca e pancetta.

Conchiglie e Orecchiette

Questi piccoli ragazzi hanno rispettivamente la forma di conchiglie e orecchie, e le loro forme a tazza aiutano a contenere salse più pesanti, prevalentemente a base di verdure, a base di pomodoro crudo, o broccoli e acciughe nel profondo sud d'Italia. La salsa si confeziona bene nelle tazze, il che significa anche che queste forme sono perfette per una pasta al forno.

Linguine

Le linguine sono molto simili agli spaghetti, ma la sua forma appiattita le fa adagiare un po' più lussuosamente sul piatto. La superficie extra lo aiuta anche ad aggrapparsi a salse leggere a base di panna o frutti di mare.

Bucatini

Immagina uno spaghetto più grande e più grasso che è cavo proprio al centro e hai i bucatini: uno dei preferiti tradizionali per salse spesse in stile ragù. Il buco significa che il sugo di una salsa di carne si farà strada negli spaghetti: genio italiano!

Spirali e fusilli

Queste paste sono ricci come cavatappi. Se vuoi davvero distinguerli, i fusilli sono un po 'più stretti, ma non c'è molto. Sono ottimi per la stessa cosa: salse grossolane (soprattutto quelle con pezzi di carne) che possono rimanere intrappolate nelle filettature delle viti. Anche la ricetta di Gennaro per la pasta ai quattro formaggi con pezzi di prosciutto è un ottimo modo per utilizzare gli spirali.

Farfalle

Questi hanno la forma di farfalle con bordi increspati. Le “ali” trattengono meravigliosamente i sughi, e sono perfette anche per insalate di pasta fredda. Soprattutto, i bambini li adorano.

Maccheroni

I maccheroni sono piccoli tubi. Non hanno bisogno di trattenere le salse perché spesso si trovano a nuotare nel minestrone, o in una salsa di formaggio pronta per essere infornata. I maccheroni sono piccoli, modesti e poco elaborati, ma sono diventati una delle paste preferite al mondo grazie al semplice mac 'n' cheese (un piatto che può diventare uno spettacolo con un semplice tocco o due).

Rigatoni

Come le penne, i rigatoni sono tubi con le creste all'esterno, ma sono più grandi e tagliati quadrati anziché ad angolo. Sono ottimi con salse di verdure grosse e sono spesso usati per cuocere in gratin nel sud.

Lasagne

Le lasagne, che siano tradizionali, senza carne o fatte con una bella anatra croccante, devono essere uno dei piatti preferiti del mondo. Il modo tradizionale di fare non è con le sfoglie secche, come ormai è un luogo comune, ma con le delicate sfoglie di pasta fresca all'uovo, che invito tutti a provare almeno una volta. Tuttavia, è possibile acquistare fogli di pasta fresca ovunque in questi giorni e i loro usi vanno oltre le semplici lasagne: possono essere arrotolati in cannelloni o tagliati in pappardelle meravigliosamente setose con un rullo sinuoso o un tagliapizza.

Cannelloni

I cannelloni fanno parte della stessa famiglia di pasta delle lasagne e di solito sono abbinati agli stessi ingredienti. L'unica differenza è che con i cannelloni, le sfoglie vengono arrotolate attorno al ripieno, anziché sovrapposte. Questo sembra molto diverso al momento del servizio e fa una vera differenza nella consistenza. I cannelloni sono oggi disponibili secchi e già in forma tubolare, il che significa che il ripieno deve essere semplicemente farcito e cotto.

Ravioli

I ravioli sono una delizia; una piccola sfoglia di pasta, ripiegata su un ciuffo di ripieno e pizzicata insieme a formare un delicato involtino. Il ripieno potrebbe essere carne, verdura, pesce o formaggio: tutto va bene. Le salse variano dai burri alle erbe leggere al ragù pesante adeguato. Il ripieno e il sugo sono pensati per completarsi a vicenda, con solo una tenera sfoglia di pasta all'uovo che li tiene separati fino all'ultimo minuto, quando si avvicina la bustina alla bocca e si frulla il tutto.

Pappardelle

Le pappardelle sono larghe strisce di pasta all'uovo, normalmente riservate a ragù pesanti e selvaggi, e fatte cose come funghi selvatici, coniglio selvatico o cinghiale. Deliziosi pezzi grossi della salsa rimangono intrappolati tra i noodles piatti e mangia quasi come una lasagna. Le pappardelle in stile Southend di Jamie utilizzano carne di salsiccia, erbe aromatiche e abbondante parmigiano per un piatto ricco e sorprendentemente soddisfacente.

Tagliatelle

Le tagliatelle stanno alla pasta fresca all'uovo come gli spaghetti stanno alla secca. È il grande favorito nel Nord Italia, e anche se nel Regno Unito si mangia il ragù alla bolognese con lo "spag", gli italiani tradizionalmente lo mangiano con delle deliziose tagliatelle fresche, creando un piatto leggermente più elegante di quello a cui siamo abituati. Viene spesso servito anche con le salse di formaggio e burro che gli italiani del nord amano tanto, e soprattutto con il pesto di basilico fresco in Liguria. Le Tagliatelle hanno una consistenza morbida e poco impegnativa e, se servite semplicemente con asparagi freschi, pomodoro e basilico, sono perfette per i bambini.

Tagliarini

Tagliarini è la sorellina delle tagliatelle. Le tagliatelle all'uovo fini e delicate richiedono un tempo di cottura minimo, ma offrono una meravigliosa morbidezza in bocca quando vengono mangiate. Solitamente questa pasta viene proposta in occasioni molto speciali, e si abbina a delicati piatti di pesce fresco d'estate o deliziosi tartufi bianchi d'inverno. Gennaro, nel suo Pasta Book, abbina i peperoni colorati e il bel prosciutto di parma ai tagliarini per un piatto esplosivo e colorato.

Puoi vedere Gennaro mostrarti come preparare alcuni di questi formati di pasta a casa su Food Tube qui sotto.

Qual è il tuo tipo di pasta preferito e con cosa lo abbini?


La guida definitiva alla pasta: tutte le forme e le dimensioni definite

Quindi sei dolce con gli spaghetti e amante delle fettuccine mentre le penne e i fusilli sono la base della credenza, ma in realtà ci sono centinaia di formati di pasta, ognuno adatto a piatti particolari.

Eccone alcune tra le più utili e insolite, presentate in collaborazione con l'Istituto per il Commercio Estero.

Acini di pepe

Significato "pepe in grani" in italiano, queste palline di pasta sono perfette in zuppe e brodi leggeri.

Hai mai desiderato preparare una versione salutare di Spaghetti-Os per i tuoi bambini? Quindi avrai bisogno di anelli, un nome che si traduce come "piccoli anelli". I siciliani fanno un piatto di pasta al forno chiamato Anellini al forno che combina la pasta con ragù di carne, piselli e formaggio.

Cosa succede quando una pasta spessa attraversa una cannuccia? Ottieni bucatini - una pasta di spaghetti spessa con un centro cavo che è meglio servita in una salsa all'Amatriciana, una semplice salsa di pomodoro.

Questa pasta rigata a forma di cavatappi è perfetta per sughi a base di ingredienti finemente tritati. Questo perché ogni ingrediente si attacca alle fessure della pasta, creando ogni volta il morso perfetto. Provala alla carbonara con pezzi di Pancetta Made in Italy.

Solitamente chiamato semplicemente "seashells" o "shells" in inglese, questo tipo di pasta è disponibile in vari formati. Le conchiglie piccole (conchigliette) sono ottime per zuppe e insalate di pasta mentre quelle più grandi (conchiglioni) possono essere farcite con un ripieno di carne o di verdure.

Conosciuta anche come pasta per papillon, le farfalle è una pasta versatile: può resistere a una salsa densa e grossa e i bambini lo adorano nelle zuppe. Usa le farfalle tricolore per realizzare un'accattivante insalata di pasta condita con Aceto Balsamico di Modena IGP e Pecorino Romano DOP di produzione italiana.

Molto prima che fosse un film di Ben Affleck-Jennifer Lopez molto diffamato, i gigli erano una pasta a forma di fiore di Firenze con un nome che significa "giglio".

A forma di piccoli gusci di lumaca, la lumache funziona bene con salse spesse e grosse.

Sembrano piccole ciotole poco profonde, ma il loro nome significa in realtà "piccole orecchie". Provateli conditi con broccoli, aglio e olio extra vergine di oliva.

Strozzapreti

Il nome di questa pasta tubolare attorcigliata significa "sacerdote strangolatore". Secondo la leggenda, sacerdoti affamati lo divoravano, a volte con conseguenze sfortunate.

Frustrato che i tuoi piatti di pasta fatta in casa non abbiano il sapore di quelli del tuo ristorante italiano preferito o di quelli che ricordi con affetto dal tuo viaggio in Italia? Il segreto sta negli autentici ingredienti di produzione italiana: salumi, aceto balsamico, formaggi, olio extra vergine di oliva, pasta e molto altro ancora. Scopri di più qui.


Campania: Penne

Ah penne, il classico formato di pasta. La Campania è una regione meridionale dell'Italia e ospita Napoli, il Vesuvio e la bellissima Costiera Amalfitana. La Campania è conosciuta come una delle migliori regioni per il cibo con alcuni dei migliori pesce fresco, pizza e caffè espresso. La sua pasta più famosa, le penne, significa "penna" o "penna", rispecchiando fedelmente la forma obliqua della pasta cilindrica. Le penne sono perfette per sformati di pasta saporiti e saporiti. Prova questa semplice ricetta di penne al balsamico.


Indice degli accompagnamenti e dei preparativi

Pasta Al Forno

Queste forme funzionano meglio in casseruole al forno come lasagne verdi invernali o pasta al radicchio e mozzarella al forno: Bucatini, Ditalini, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Gigli, Conchiglie Jumbo, Lasagne, Lumaconi, Maccheroni, Manicotti, Orzo, Penne Lisce (aka Mostaccioli), Penne Rigate, Radiatore, Riccioli, Rigatoni, Rotelle, Rotini, Sfoglia, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini, Trenette, Tubettini, Ziti

Burro/Olio

Queste paste sono ottime con sughi delicati a base di burro e olio, come il burro alla salvia o aglio e olio: Campanelle, Capellini, Farfalle, Fettuccine, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Gigli, Linguine, Maccheroni, Malloreddus, Penne Rigate, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini, Tagliarini, Ziti

Crema di formaggio

Usa sughi più delicati come la salsa di cacio e pepe o crema di aglio verde con le tagliatelle più sottili in questa lista, e una salsa robusta come quella di Robiola Bosina per le tagliatelle più sostanziali: Campanelle, Capellini (aka Angel Hair), Casarecce , Cavatelli, Conchiglie, Farfalle, Fettuccine, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Jumbo Shells, Lasagna, Linguine, Macaroni, Penne Lisce (aka Mostaccioli), Penne Rigate, Rigatoni, Rotelle, Rotini, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra , Spaghettini, Tagliarini, Ziti

La carne

Accompagna queste paste con sughi di carne grosso come Ragù di Cinghiale o Ragù alla Bolognese: Campanelle, Casarecce, Cavatelli, Conchiglie, Farfalle, Fettuccine, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Gigli, Conchiglie, Lasagne, Linguine, Lumaconi , Macaroni, Malloreddus, Manicotti, Orecchiette, Pappardelle, Penne Lisce (aka Mostaccioli), Rigatoni, Rotelle, Rotini, Sfoglia, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini, Strozzapreti, Ziti

Insalata di pasta

Abbina le paste più piccole a ricette che utilizzano ingredienti tritati finemente, come questa Insalata di Couscouc con zucchine e pinoli in cui puoi sostituire al cous cous pasta come gli acini di pepe o la fregula. Le paste più grandi in questa lista reggeranno bene con altre ricette di insalate di pasta che richiedono ingredienti tritati grossolanamente: Anelli/Anellini, Campanelle, Cavatelli, Cavaturi, Conchiglie, Ditalini, Farfalle, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Maccheroni , Orecchiette, Orzo, Penne Rigate, Riccioli, Rotelle, Rotini, Ziti

Pesto

Prova qualsiasi cosa, da una salsa di crescione e noci o un pesto di rucola, pomodori secchi e pinoli al pesto di prezzemolo, noci e olive nere con queste forme: Bavette, Capellini (alias Angel Hair), Casarecce, Conchiglie, Fettuccine, Farfalle, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Linguine, Orecchiette, Trofie

Frutti di mare

Questi formati sono ideali per raccogliere pezzi di mare provali con questa salsa di vongole rosse di San Marzano o vongole e chorizo: Bavette, Calamari, Capellini (a.k.a. Angel Hair), Casarecce, Farfalle, Fettuccine, Linguine, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini

La minestra

Le zuppe in brodo sono rese ancora più buone quando si butta dentro una manciata di pasta. Provale nel Minestrone, Pasta e Fagioli, o come sostituto del riso in questa zuppa di pollo: Acini di Pepe, Anelli/Anellini, Capellini (aka Angel Hair) , Cavatelli, Ditalini, Farfalle, Fregula, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Orzo, Pastina, Rotelle, Stelline, Tubettini

Salsa di pomodoro

I noodles più delicati si abbinano bene a sughi semplici, come il Sugo Base o il sugo di pomodoro crudo (marinare i pomodori e l'aglio nell'olio per qualche minuto, poi condirli con la pasta cotta e il basilico spezzettato), mentre i noodles più sostanziosi reggono bene se preparata all'Amatriciana o abbinata a pomodori caramellati e salsiccia: Bavette, Bucatini, Calamari, Capellini, Casarecce, Conchiglie, Farfalle, Fettuccine, Fregula, Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gigli, Conchiglie, Lasagna, Linguine, Lumaconi, Macaroni, Malloreddus, Manicotti, Orecchiette, Paccheri, Penne Lisce (aka Mostaccioli), Penne Rigate, Radiatore, Riccioli, Rigatoni, Rotelle, Rotini, Sfoglia, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini, Trenette, Ziti

Verdure

Prova queste paste con un assortimento di salse di verdure, dalla salsa di pomodoro melanzane e peperoni alle bietole e feta o broccoli, prosciutto e pangrattato tostato: Campanelle, Capellini (aka Angel Hair), Casarecce, Cavatelli, Cavaturi, Conchiglie, Farfalle, Fettuccine , Fusilli, Fusilli col Buco, Fusilli Napoletani, Gemelli, Jumbo Shells, Lasagna, Linguine, Lumaconi, Macaroni, Manicotti, Orecchiette, Paccheri, Penne Lisce (alias Mostaccioli), Penne Rigate, Rigatoni, Rotelle, Rotini, Sfoglia, Spaghetti, Spaghetti alla Chitarra, Spaghettini, Strozzapreti, Trenette, Ziti

Questo post è stato originariamente pubblicato da Chowhound Editors il 12 maggio 2008.


Tipi di pasta per regione

Regione: Veneto, nord Italia Pasta: Bigoli

Descrizione: Spaghetti spessi, simili a una pasta, spesso a base di farina integrale, burro e uova d'anatra. Come altre paste lunghe e sottili, questa è ottima con sughi di mare leggeri, salse a base di panna o olio.

Regione: Emilia Romagna, nord Italia Pasta: Strozzapreti

Descrizione: Il nome di questi brevi colpi di scena si traduce come "sacerdote strangolatore" - ispirato dalla leggenda secondo cui i preti avidi avrebbero mangiato gli strozzapreti, dati loro dalla gente del posto, così velocemente da potersi soffocare. Servire con salse leggere e lisce che aderiscano ai colpi di scena: il pesto funzionerebbe bene.

Regione: Liguria, nord Italia Pasta: Trofie

Descrizione: Questi piccoli formati di pasta arrotolata sono tradizionalmente serviti alla genovese con pesto, fagiolini e patate.

Regione: Toscana, centro Italia Pasta: Gigli

Descrizione: Gigli si traduce come "gigli" - questa pasta scanalata è specificamente di Firenze, dove il giglio è l'emblema locale.

Regione: Abruzzo, centro Italia Pasta: Chitarra

Descrizione: Chitarra significa "chitarra", e questa pasta lunga e sottile viene tagliata usando uno strumento simile a un'arpa. L'impasto della pasta fresca viene fatto passare attraverso i fili sottili per tagliarlo in fili. Servire con salse setose a base di panna o olio.

Regione: Campania, sud Italia Pasta: Penne

Descrizione: Significa "penna" o "penna", le penne sono tagliate ad angolo per assomigliare al suo omonimo. È ideale per contenere sughi ricchi di pomodoro o di carne, o in sformati di pasta.Regione: Puglia, sud Italia
Pasta: Orecchiette

Descrizione: Le orecchiette sono tradizionalmente servite con cime di rapa, acciughe, peperoncino e aglio.


La guida per gli amanti della pasta alle ricette di pasta: il ricettario definitivo per la pasta e il ricettario per la salsa di pasta

Niente è più soddisfacente di una ciotola fumante di teneri noodles spalmati in una densa salsa rossa o del cremoso Alfredo. La pasta è un alimento molto versatile che può essere realizzato in una varietà di forme e sapori e poi abbinato a un numero illimitato di salse per creare dei piatti molto gustosi. Se sei curioso di saperne di più sulla pasta, questo semplice ricettario per la pasta è il posto perfetto Niente è più soddisfacente di una ciotola fumante di teneri noodles spalmati in una densa salsa rossa o di un cremoso Alfredo. La pasta è un alimento molto versatile che può essere realizzato in una varietà di forme e sapori e poi abbinato a un numero illimitato di salse per creare dei piatti molto gustosi. Se sei curioso di saperne di più sulla pasta, questo facile ricettario per la pasta è il punto di partenza perfetto per gli amanti della pasta come te.

Incluso in questo libro troverai:

Un'introduzione alle ricette di pasta fatta in casa per gli amanti della pasta
Una raccolta di ricette per la pasta fatta in casa in un facile ricettario di pasta
Ricette per sughi fatti in casa in un facile ricettario per sughi di pasta
Usando le ricette di pasta in questo semplice ricettario di pasta puoi creare un numero illimitato di deliziose creazioni di pasta. Allora cosa aspetti, volta pagina e mettiti a cucinare!

==> ACQUISTA QUESTO LIBRO OGGI E RICEVI BONUS COOKBOOK ALL'INTERNO!! <==
Sei arrivato su questa pagina proprio al momento giusto perché stiamo offrendo un grande sconto per questo libro.

Acquista questo libro ora per $3.95 solo! Questa è un'offerta a tempo limitato quindi NON PERDERE. Il prezzo tornerà alla normalità a $7.99 presto.


Ci sono centinaia di diversi formati di pasta là fuori, per completare centinaia di ricette. Qui abbiamo raccolto alcuni dei tipi più comuni oltre alle graffette della dispensa di spaghetti, linguine e fusilli.

Alcune forme sono molto simili tra loro e potresti persino scoprire che i nomi per qualcosa che sembra identico cambieranno da una regione all'altra in Italia.

Quindi, anche se non è un argomento semplice, questa guida potrebbe aiutarti a trovare nuovi tipi di pasta da provare nella tua cucina.

Capelli d'Angelo (Capelli d'angelo)


Tipo di pasta:
Pasta lunga. pronunciato cap-eh-lee dah-anj-eh-lo.

Descrizione: La più sottile di tutte le paste, si presenta in fili lunghi e delicati ed è spesso utilizzata anche nella cucina asiatica. Ci vogliono solo due minuti per bollire.

Da mangiare con: In genere i capelli d'angelo vanno consumati insieme a delicati sughi a base di pomodoro o brodo, i napoletani li servono solo con gamberi e verdure. Anche semplicemente condito con un filo di buon olio d'oliva è buono.

Bucatini


Tipo di pasta:
Pasta lunga. pronunciato boo-cah-TEE-nee.

Descrizione: Proveniente dalla parola &lsquobuco&rsquo, che significa &lsquohole&rsquo in italiano, i bucatini sono più spessi della normale pasta per spaghetti ed è ottimo per torcere la forchetta. C'è un sottile foro simile alla paglia al centro di ogni filo, e questo tipo di pasta è nato nell'Italia centrale.

Da mangiare con: Prova i bucatini alla&rsquomatriciana quando sei a Roma. La gente del posto ama la salsa leggera e piccante con pancetta e scaglie di peperoncino. Non dimenticate di guarnire con una grattugiata di pecorino.

Farfalle


Tipo di pasta:
Pasta a forma di. pronunciato far-FAH-leh.

Descrizione: Le farfalle risalgono al 1500 e furono consumate per la prima volta in Lombardia, nel nord Italia. Chiamate affettuosamente pasta con l'arco, o pasta a farfalla (pensiamo che assomiglino di più alla prima), sono essenzialmente pezzi di pasta rettangolari pizzicati nel mezzo.

Da mangiare con: Molto versatile questo. Buono nelle insalate di pasta fredda, o nei primi piatti caldi con una salsa leggera e cremosa. Le mini farfalle sono fatte anche per le zuppe.

Fettuccine


Tipo di pasta:
Pasta al nastro. pronunciato feh-troppo-CHEE-no.

Descrizione: Ricavata da sfoglie piatte, tagliate a strisce a forma di nastro. Probabilmente uno dei formati di pasta più popolari, perché fornisce una superficie così grande per catturare i sughi. Alcuni dicono che le fettuccine siano originarie di Roma, anche se oggigiorno è più probabile trovarle scritte &lsquofettuccinio&rsquo, a causa dell'ossessione americana per esso.

Da mangiare con: Salse ricche e cremose. Le fettuccine alfredo, uno dei piatti più comuni per usare questa pasta, sono fatte con una ricca salsa di burro, panna e parmigiano. Potresti provare anche le fettuccine con verdure con verdure di stagione.

Cannelloni


Tipo di pasta:
Pasta tubolare. pronunciato CAN-eh-lone-ee.

Descrizione: Si traduce in &lsquograndi ance&rsquo in italiano. La pasta è formata in grandi tubi cavi

Da mangiare con: I cannelloni vengono sempre farciti con qualcosa o altra carne, formaggio o una miscela di frutti di mare di solito, quindi vengono coperti con una salsa e cotti al forno. Il formaggio extra viene sparso sopra, come con una lasagna. Questi cannelloni di zucca sono una delle nostre ricette preferite.

Percorso


Tipo di pasta:
Pasta a forma di. pronunciato roo-OH-tay.

Descrizione: Uno per i bambini. A forma di ruote di carro, sono molto piccole quindi sono perfette per i piccoli appetiti. Le salse rimarranno bloccate nei "raggi", che sono anche utili per catturare i piselli.

Da mangiare con: Perfetto nelle insalate di pasta, e con sughi grossi.

Mezzelune


Tipo di pasta:
Pasta ripiena. pronunciato metz-eh-loon-eh.

Descrizione: Letteralmente &lsquomezzaluna&rsquo pasta. Tipicamente si inizia con una base di pasta all'uovo, che viene stesa e poi tagliata in forme circolari, e poi accuratamente farcita con impasti di vari gusti. Essendo piuttosto piccole, le mezzelune dovrebbero cuocere in pochi minuti.

Da mangiare con: Il ripieno all'interno spazia dalla carne ai funghi, ai frutti di mare o semplicemente alle erbe. Fate attenzione a non farcire troppo le vostre Mezzelune, perché possono essere delicate.

Rigatoni


Tipo di pasta:
Pasta tubolare. pronunciato rih-gah-TOE-nee.

Descrizione: Tubi di pasta grandi, rigati, leggermente ricurvi, che sono i più usati nell'Italia meridionale e centrale. La differenza tra rigatoni e penne è che questi ultimi hanno le estremità tagliate ad angolo.

Da mangiare con: Sughi di carne grossi, come questo ragù di salsiccia, perché le creste lo catturano così bene. L'intera superficie, sia interna che esterna, lavora per aderire al sugo.

Conchiglie


Tipo di pasta:
Pasta a forma di. pronunciato con-KEEL-yay.

Descrizione: Mangiata in abbondanza da studenti sempre affamati, la pasta &lsquoshell&rsquo è probabilmente il tipo più popolare nel Regno Unito. I gusci ripieni jumbo si trovano tradizionalmente nel sud Italia, dove sono preferiti i piatti di pasta ripiena.

Da mangiare con: Un ragù ricco (ragù di carne), una crema o una salsa al formaggio. Il guscio funge da paletta per raccogliere tutti quei deliziosi succhi.

Rotini


Tipo di pasta:
Pasta a forma di. pronunciato ro-TEE-nee.

Descrizione: Spirali o attorcigliamenti più corti dei fusilli, lunghi circa 1 pollice. È una spirale piuttosto stretta, che ha origine nel nord Italia.

Da mangiare con: Sia i fusilli che i rotini funzionano bene con il pesto, perché le spirali ammucchiate possono catturare anche la salsa più sottile. Funzionano bene anche nelle insalate di pasta.


Tipo di pasta: Piccola pasta. pronunciato ort-zo.

Descrizione: A forma di grossi chicchi di riso,

Da mangiare con: L'orzo è un formato di pasta versatile che può essere aggiunto a zuppe e stufati, oppure consumato freddo in insalata. Ottimo con sughi ricchi in cui si mescola e si gonfia assorbendone il sapore. Prova questa ricetta dell'orzo con verza, limone e pinoli.

Ravioli


Tipo di pasta: Pasta ripiena. pronunciato rahv-yo-lee.

Descrizione: Piccoli pacchetti di pasta ripieni di qualsiasi ripieno tu voglia.

Da mangiare con: Ci sono un numero infinito di ripieni con cui potresti riempire i ravioli, e ciò con cui li riempirai detterà la salsa. Un ripieno di carne di maiale a dadini ed erbe andrebbe bene con una semplice salsa di pomodoro e basilico, mentre un ripieno di quattro formaggi starebbe meglio con una salsa bianca di formaggio. Provate questi ravioli di formaggio e spinaci con burro bruciato.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel giugno 2012 e aggiornato nell'agosto 2017.

Potrebbe piacerti anche

Commenti

Vuoi commentare questo articolo? Devi essere registrato per questa funzione


Conosci il tuo noodle: la guida definitiva ai noodles asiatici

Il dibattito infuria su chi per primo abbia avuto l'idea di aggiungere acqua alla farina in un rapporto di circa un terzo a uno, quindi modellare il disordine risultante in cose lunghe e magre che oggi chiamiamo noodles. Erano i cinesi? Gli arabi forse? O gli italiani, via Marco Polo, come molti credono comunemente? Le teorie convincenti abbondano e nessuno sa con certezza dove sia nato il primo pasto a base di noodle al mondo. Recenti studi scientifici suggeriscono che fosse in Persia. Ma una cosa è certa. Sono in circolazione da molto tempo (circa 4000 anni) e non sembrano andare da nessuna parte velocemente.

Probabilmente uno dei cibi più popolari dell'Asia, trovi noodles in tutta la regione, in particolare in Cina, dove sono un alimento quotidiano. Si presentano in zuppe, insalate, fritture, fritture, farcite all'interno di focacce, involtini primavera e pasticcini fritti e incorporate nei brasati. Sono fatti con farina di riso, farina di grano saraceno, farina di riso, amidi di ortaggi a radice e fagioli mung, farina di tapioca e persino alghe. I metodi di produzione sono divergenti: possono essere estrusi, tagliati a mano, filati, lanciati, arrotolati o rasati da un blocco direttamente nell'acqua bollente.

Dal punto di vista della consistenza, variano da gommosi in bocca, a setosi-lisci-scivolosi... e tutto il resto. Sono veloci da cucinare, difficili da rovinare e universalmente amati. No davvero, lo sono. Hai davvero incontrato qualcuno a cui non piaceva un noodle? Nemmeno noi. Con così tante varietà di loro, però, il mondo dei noodles può diventare confuso. Ecco i dettagli sui tipi che è più probabile incontrare nel tuo supermercato asiatico locale o quando mangi fuori.

Tagliatelle di grano

Questa è la categoria di noodles più ampia e potenzialmente più confusa. Comprende molte iterazioni essiccate e fresche su ogni larghezza e lunghezza immaginabile. Numerosi marchi stanno generando una nomenclatura incoerente, quindi fare i conti con tutti i diversi tipi può essere una proposta riccia, in particolare quando si tratta di spaghetti di grano cinesi. Ecco i tipi comuni.

Spaghetti di grano molto chiari, spessi e gommosi dal Giappone. Comunemente serviti caldi in zuppe (anche se in estate vengono serviti anche piatti freddi), sono anche un buon concorrente per le patatine fritte. Il loro sapore neutro li rende un ottimo supporto per sapori forti come la salsa di soia e lo zenzero. Li trovi, precotti, in confezioni sottovuoto da 200 g di porzioni. Prima di usarli vanno rinfrescati mettendoli a bagno per 2-3 minuti in una ciotola con abbondante acqua bollente-usare le bacchette per districarli man mano che si ammorbidiscono quindi scolarli bene prima dell'uso.

Eleganti tagliatelle di grano giapponese essiccate, rese molto sottili allungando l'impasto - l'olio vegetale è usato per facilitare questo e in origine il processo era a mano. In questi giorni, alcuni sono principalmente fatti a macchina. Una volta formati, i noodles vengono asciugati all'aria. Sono comunemente serviti freddi nei mesi estivi, con una leggera salsa a base di katsuobushi (meglio conosciuti come fiocchi di bonito) a lato, anche se sono anche serviti in brodo caldo e anche in padella. Venduti in confezioni da porzioni confezionate singolarmente, a volte se ne trovano anche colorati. Ad esempio, colorato di verde con polvere di matcha, giallo/arancio con carota o tuorlo d'uovo o rosa, da olio di shiso.

Tagliatelle di grano coreano molto sottili, lunghe e secche, chiamate anche mak guksu. Sono utilizzati sia in piatti caldi che freddi, in particolare nelle zuppe. Si cuociono velocemente, richiedendo circa 3 minuti in brodo bollente o acqua. Come in Cina, i coreani associano i noodle lunghi come questi alla longevità ed è considerata sfortuna tagliarli.

Spaghetti di Shanghai

Un noodle denso, cremoso e gommoso che è un buon tuttofare per le ricette cinesi, dove è richiesto un noodle sostanzioso. Sono particolarmente buoni nelle fritture e nelle zuppe sostanziose. Questi sono prontamente disponibili, freschi o essiccati, nei negozi di alimentari asiatici.

Chiamati anche noodles "tirati", questi noodles cinesi freschi sono realizzati mediante l'abile torsione, allungamento e piegatura dell'impasto in fili, utilizzando il peso dell'impasto per formare i noodles. Lo spessore delle tagliatelle varia e dipende da quante volte viene piegato l'impasto. È improbabile che tu possa crearne uno tuo in questo modo perché non è una tecnica semplice da imparare (ma puoi provare la nostra ricetta per una versione tagliata a coltello), ma sono un'opzione comune nei ristoranti di noodle della Cina settentrionale. Hanno una consistenza gommosa grazie all'aggiunta di acqua liscivia o bicarbonato di sodio, che ha un effetto alcalinizzante. Nota che "mian" o "noodle" in cinese può anche essere traslitterato come "mein" o "mien".

Tagliatelle al coltello

A volte chiamati "tagliatelle a nastro", si tratta di una tagliatella cinese essiccata ampia e piatta. e, a seconda della marca, possono avere bordi leggermente arricciati. Si trovano facilmente nei negozi di alimentari cinesi, sono un'emulazione commerciale dei noodles tagliati a coltello della Cina settentrionale, o dao xioa mian, fatti a mano in Cina e usati freschi. Puoi trovare noodles freschi tagliati a coltello nei ristoranti che servono piatti della Cina settentrionale.

Un noodle coreano celebrato per la sua estrema masticabilità, questi sono fatti con farina di frumento e amido di mais e sono l'ingrediente principale di un piatto freddo che ha lo stesso nome. In esso, i noodles vengono serviti freddi con una varietà di verdure crude affettate finemente, uova sode e una salsa dolce e piccante condita con abbondante gochujang. Trova jjolmyeon congelato, nei negozi di alimentari coreani. Fateli scongelare a temperatura ambiente, oppure in frigorifero per una notte. Necessitano di un accurato risciacquo subito dopo la cottura, per raffreddarli velocemente ed eliminare l'amido in eccesso.

Pasta all'uovo e alcalinizzata

Questi noodles sono tutti a base di grano e contengono uovo (o colorante per uova) o ne hanno l'aspetto, grazie all'aggiunta di un agente che aumenta i livelli di pH, come l'acqua di liscivia. Il livello alcalino più elevato favorisce un maggiore assorbimento d'acqua nella farina e rafforza le proteine ​​della farina, risultando in un morso più solido durante la cottura dei noodles. Più alto è il contenuto di farina della farina, più masticabile è la pasta cotta. Un pH più alto rilascia anche pigmenti gialli nella farina, che sono incolori quando il pH è neutro. La tonalità dorata risultante è, quindi, in questo tipo di pasta, non dall'aggiunta di uova, anche se spesso vengono scambiate per, e messe insieme, tagliatelle all'uovo.

Tagliatella hokkien

Tagliatella fresca e gommosa, dalla consistenza particolarmente robusta e dal colore giallo intenso grazie alla presenza di agenti alcalini, assomigliano a grossi spaghetti gialli. Popolari a Singapore e in Malesia, sono la base di famosi piatti di venditori ambulanti come Hokkien mee, curry mee e loh mee. Acquistali sfusi anziché confezionati sottovuoto poiché sono invariabilmente più freschi. Richiedono solo un rapido sbollentare in acqua bollente (circa 1 minuto) prima di essere aggiunti a fritture o zuppe.

Un noodle di grano giapponese nato in Cina, i ramen freschi sono sottili e molto lunghi, con una masticazione pronunciata e un colore giallo. La loro consistenza golosa deriva dall'aggiunta di sali alcalini. L'agente alcalinizzante originale era il kansui, un'acqua ricca di minerali carbonato di sodio e carbonato di potassio oggigiorno vengono comunemente usati agenti come l'acqua di liscivia e possono dare al ramen fresco un odore leggermente funky. Il ramen è simile al saang mian, una pasta liscia, gommosa e leggermente saponosa che si trova a Hong Kong e spesso mangiata al naturale o condita con un po' di olio di sesamo. Buy ramen either fresh (in bags in the refrigerated section of an Asian food store) or dried, in plastic or cellophane packs. They come in a variety of sizes, although most tend toward thinness.

Use to make this miso-based ramen bowl from Sapporo, the capital of Japan's most northerly island.

With a name that means, literally, ‘thin’ noodles, these spaghetti-like noodles actually come in a variety of forms and thicknesses. Maybe the most common are ‘oil’ noodles, which you find, complete with an oily sheen, fresh and pre-cooked in the refrigerator section of Asian food stores. Medium-thick, these have been treated with lye water, or alkaline salts, to give both a distinctive texture (best described as ‘chewy’ and ‘springy’) and a pronounced yellow colour. They can be used in soups, stir-fries and even, when blanched and refreshed, in salads such as Sichuan liang mian, where the cooked noodles are coated in a zingy sesame paste sauce. Then there are the finer, flatter type of you mian, popularly known as ‘wonton’ or ‘Hong Kong’ noodles. These fresh egg noodles have a slightly floury appearance from a light cornstarch coating and require a brief blanching in boiling water before using. Their firm texture makes them a contender for stir-fries (such as chow mein), soups and fried in loose cakes. There is also a wider type of wonton noodle which is good for hearty soups and as an accompaniment for meaty, braised dishes. Their colour ranges from light to bright yellow- the latter will most like have been coloured artificially so do check labels.

Similar to Hong Kong noodles, but thicker, this long noodle can be purchased either fresh or dried. Their yellow colour comes from alkalisation, not egg, and they have a dense, chewy texture that takes well to extended cooking and absorbing robust flavours.

Also called E-fu noodles, these Cantonese wheat flour noodles are pale golden from the use of soda water (or other alkalising agent) in their manufacture. Purchased dried, in large, fried tangled cakes, they’re round, very long and of medium thickness. When cooked they have a chewy-spongy texture. Also called ‘longevity’ noodles and popularly served on birthdays, they’re first boiled before being added to stir-fries, soups or salads.

The huge variety includes (clockwose, from top left) dried egg noodles, buckwheat soba, knife-cut wheat noodles, fresh wheat noodles, mung bean noodles, fresh udon, fresh egg noodles, green bean thread noodles, sweet potato noodles and (centre) soba noodles.

Buckwheat flour noodles

Buckwheat flour is nutritious, containing plenty of fibre, protein and high levels of manganese. It has an appealingly nutty and earthy flavour. Noodles made using buckwheat flour are popular in Korea and Japan. Many commercial iterations contain wheat flour as well as buckwheat, as buckwheat flour lacks gluten and gluten is important for the strength of the noodle. Proportions of flours can vary and the higher the percentage of buckwheat, the better the quality check labels for ingredient information.

Taking their name from the Japanese name for buckwheat, light brown soba noodles are thin and, like many Japanese noodles, are served cold in summer months and make a great salad ingredient. They’re also served hot, either in broth, or drained and with a dipping sauce on the side. Look for dried soba noodles in Asian, Japanese or health food stores.

Paler brown than soba, these dried Korean noodles are made from a combination of buckwheat flour and sweet potato starch (although arrowroot, potato or pea starch are also used). Their name translates as ‘cold noodles,’ hinting at their popular use in cold soups -although they are also used in hot dishes too. They have a sheen, not unlike plastic and are often cut into manageable lengths before serving (they’re very long) in texture, they’re chewy and slightly jelly-like.

Dotori guksu

A Korean dried noodle made from varieties of acorn flour and a combination of grain flours, including buckwheat. The thickness of spaghetti, they are used in both hot and cold dishes they’re good in any recipe where you’d use soba. There’s also a Japanese version, donguru-men, which contains less acorn flour than its Korean counterpart. Acorns are considered a health food in Korea and the best dotori goksu are the ones with the highest percentage of acorn flour- over 30 per cent is good. These noodles don't take long to cook (3-4 minutes) and they have a nutty, sweetish flavour.

Rice noodles

Another large category of noodle, rice noodles come in a range of shapes and sizes, both fresh and dried. They’re made from rice flour and water and their soft texture and mild flavour make them the perfect vehicle for just about any suite of flavours, whether bold or subtle. Culinarily, they’re used across the gamut - in everything from salads to soups to stir-fries, as well as an accompaniment to curries and grills. They cook incredibly quickly and some iterations just need soaking, not cooking. Noodles made with 100 per cent rice flour are gluten-free.

Rice vermicelli

Bee hoon to the Malays, mie fen in Chinese, sen mee in Thai and bahn hoi for the Vietnamese, this popular thin, dried rice noodle is not to be confused with bean thread noodles, which they resemble (i.e. they’re fine, brittle and packaged in bundles). Like bean thread or cellophane noodles, they have a particularly neutral flavour. Find them at any Asian food store and use them in soups, salads and stir-fries, as a base for curries and other sauce-y dishes and an accompaniment to grilled meats such as Vietnamese bun cha. Soak them in boiling water for 6-7 minutes then briefly boil them (a minute is enough), before using. They can also be deep-fried from raw, for use as a crunchy garnish or to form crunchy nests.

Rice stick noodles

A dried rice noodle that’s perhaps most famous as the noodle used in pad Thai. Although on the thin side, it does come in a few different widths, the widest being similar to fettuccine. When cooked, rice stick noodles are elastic and strong, making them a good candidate for stir-frying as they won't break apart. To use, they first require soaking in hot water to soften them, with time-varying amongst brands. If you’re serving them straight up in boiling soup or throwing them into a stir-fry for further cooking, use them straight from soaking. If you want softer noodles, boil them for 2-3 minutes after soaking.

Also called he fen, these are a fresh, flat, wide noodle that is popular in Cantonese cuisine. They’re great for stir-frying but are also used in soup dishes. Sold in plastic bags, try to buy ones that haven't been refrigerated, as this hardens their texture and they’ll break when they’re cooking. They don’t need to be pre-cooked but benefit from a quick rinsing in boiling water to make sure all the strands are separated, before adding them to a wok or soup pot. In Malaysia, they’re called kway teow and are about 1cm wide. There, and in Singapore, they lend their name to the famous stir-fried dish char kway teow. A rounded version is used in laksa lemak (coconut laksa).

Use fresh flat rice noodles in this Char kway teow

Starch-based noodles

This family of (mainly) dried noodle is translucent, with a polished sheen that makes them resemble plastic in their raw state. They’re made using vegetable starches, not flour, and the vegetables range from mung bean, cassava, potato, sweet potato and tapioca to yams. They’re easy to use, but require soaking in hot water to soften them first. Note that these types of noodles are gluten-free.

Bean thread noodles

Also called cellophane or glass noodles, these extremely fine, tough noodles are made from water and bean starch and are sold in wiry, dried bundles. They must be soaked in water until they soften before cooking boiling or stir-frying are the usual methods although sometimes they are deep-fried. They’re used across Asia in myriad dishes, from spring roll stuffings to stir-fries to soups to salads. They absorb flavours and liquid well and require lots of sauce/dressing to truely shine. You might want to cut them after soaking as they’re very long and can be unwieldy to cook and eat.

These Korean noodles look like a thicker version of transparent bean thread vermicelli although they are a different colour (tan-hued) and are thicker, tougher and longer. They’re made using sweet potato starch and are the noodle you find in japchae (a stir fry of sesame oil, beef, vegetables, soy and sugar). Before use, they require soaking in water before cooking (check the packet details as times can vary between brands) then rinsed under cold water. Find them at any Korean food store. Note that there are also Chinese versions, used in Sichuan cooking ad they’re much wider, resembling brownish, clear fettucine.

Use in this quick Japchae, ready in less than 30 minutes

In Japanese, the name of these translucent noodles means “spring rain.” In looks they’re similar to bean thread vermicelli but thicker and, while originally made from bean starch, nowadays they’re most commonly made from potato or sweet potato starch. In Japan, they’re also called ‘salad noodles’ which speaks to their popular use in cold dishes. They’re also a favourite for hot pots, as they don't absorb a lot of liquid when cooked, unlike other noodles. To use, they require soaking first in hot water for 5 minutes then briefly cooking them (1-2 minutes) in boiling water or stock.

Miso barramundi in lettuce cups

Harusame are used to add texture to Miso Barramundi lettuce cups

Other noodles

Tapioca noodles

Used in some Vietnamese dishes, these chewy, translucent noodles are made using tapioca flour, or a mixture of tapioca and rice flour. Find them fresh in plastic bags in the refrigerator section of Asian supermarkets. Thick ones will be labelled bánh canh, while thinner ones are called hu tieu, after the Vietnamese/Cambodian soup noodle dish that features them. You’ll also find them dried, labelled ‘tapioca stick noodle’. Fresh noodles need rinsing in boiling water to separate strands before using. Dried ones require a brief simmering. There’s a similar noodle, originally Cantonese and called lai fun these short and thick dried noodles are made from rice flour and/or tapioca flour and you’ll find these dried or fresh and sometimes labelled “bun bo Hue” noodles.

Kelp noodles

Made from edible seaweed and native to Japan, these thin, clear ‘noodles’ are gaining lots of attention from the health-conscious. They are nutrient-rich (particularly in iodine), are fat and gluten-free, virtually carbohydrate-free and contain few calories. Lacking any real flavour of their own, they take on the taste of whatever they are added to and are popular in soup, salad and stir-fry dishes. They require no cooking but do need a good rinse before adding them to a recipe. Find them in the health food section of supermarkets or at health food stores.

These aren’t noodles in the traditional sense - they’re more an extruded ‘paste’ in squiggly form. Thin and gelatinous, they’re made from the corm of the konnyaku plant, also known as devil’s tongue yam. ‘Shiratiki’ means ‘white waterfall’, after the ethereal appearance of the noodles. They’re composed of water and a water-soluble fibre called glucomannan, are low in carbs, have zero calories and are gluten-free. They’re most commonly found in wet form, packaged in water inside sausage-like plastic tubes. Once opened they require a thorough rinsing as they have a distinctive smell that can be borderline unpleasant if you’re not used to it. They’re most associated with sukiyaki, a one-pot dish that’s served communally at the table. Ito konnyaku are a thicker version of shirataki.

Tofu shirataki

Noodles made by blending some tofu with shirataki, resulting in a bouncier, more slippery noodle than true shirataki. A favourite of low-carb dieters, they come in a variety of shapes that mimics traditional pasta such as spaghetti, angel hair and fettuccine. Look for them in the refrigerator section of health food stores. They’re versatile, working well across all Asian noodles recipes, including soups, salads and stir-fries. They require rinsing and a thorough drying before being cooked for long enough to just heat them through.

Oodles of Noodles includes 31 delicious new recipes - find them all on our interactive map - stories and tips for buying, cooking and storing noodles. Find out more here.


A Visual Guide to the 12 Most Popular Pasta Shapes and What to Make With Them

A favorite among college bros and four-star chefs alike, pasta is the great equalizer of foods. While there&rsquos not much variation in taste when it comes to different shapes, there&rsquos no doubt that some types work better than others in specific dishes. And do you even really know what shape will show up on your plate when you order the fusilli alla vodka? Now you will.

Before you boil, know this: If you follow the directions on the box, you&rsquore overcooking your pasta. You&rsquove probably heard that regardless of shape, pasta should always be cooked al dente (which means &ldquoto the tooth,&rdquo or slightly underdone). However, pasta is typically tossed with hot tomato sauce or scraped into a sauté pan full of sizzling meat and vegetables, which means it continues to cook after it&rsquos pulled out of the water. So in reality, pasta should come out of the water when it&rsquos a few minutes away from al dente. (Unless you&rsquore one of those slap-it-in-a-bowl-with-butter-and-cheese kind of cooks&mdashthen follow your instincts and cook the pasta completely but seriously you should try Bolognese.) Al dente pasta takes about three minutes less than the instructions, but nothing&rsquos as foolproof as fishing out a noodle (or two) and taking a bite.

Take a deep breath you&rsquore about to become a pasta pro. We bet the next time you find yourself in Italy (or at your favorite local Italian restaurant), you won&rsquot have to ask the waiter the difference between conchiglie and orecchiette.

Conchiglie: These small shells have a large opening, which makes them best for dishes where fillings can get stuck inside. Think hearty meat sauces and creamy pasta salads. Oh, and of course, this shape is ideal for mac and cheese too.

Farfalle: Also known as &ldquobow-tie pasta,&rdquo farfalle (which literally translates to &ldquobutterflies&rdquo) works best in dishes with chunks of vegetables or meat. Summer pasta salads with farfalle FTW.

Fettuccine: While &ldquoAlfredo&rdquo is basically fettuccine&rsquos last name, try folding other thick sauces, like creamy tomato with browned sausage or a classic Bolognese (also known as &ldquoragu&rdquo), into these wide, flat noodles. They can take it! Red pepper and nut-based romesco is another acceptable (and encouraged) option.

PartnerA bowl of pasta is not only a beautiful sight&mdashit&rsquos a healthy, filling foundation for some of the greatest Mediterranean dishes. Barilla does pasta best and is totally dedicated to making the pasta as good as it can be. Check out Barilla&rsquos Passion for Pasta here and see for yourself!

Fusilli: A windy noodle full of cracks deserves a sauce that can stick to it, like pesto. And tomato sauce and Bolognese and olive oil and&hellip we could keep going.

Linguine: Ah, linguine. Slurp it up with a light white wine and butter-based sauce and a protein. Shrimp scampi, anyone? If you&rsquore feeling a meal that takes minimal effort, it pairs perfectly with a simple combo of lemon zest, olive oil, and parsley.

Orecchiette: This pasta, which translates to &ldquolittle ears&rdquo in Italian, does well with other bite-size foods, such as broccoli, cauliflower, sausage, and cherry tomatoes. You also can&rsquot go wrong with a quick toss of peas and bacon.

Penne: Make the most of penne&rsquos ridges by throwing them into a casserole with tomato sauce and cheese for a variation of baked ziti. Penne are also known for trapping large squirts of pesto or vodka sauce inside their tubes, and are therefore friends to us (but not our white t-shirts).

ravioli: Since it&rsquos already full of cheese or lobster or some other combination of rich things, fight fire with fire: Brown butter and sage is probably the only sauce one should ever put on ravioli. However, if you want to be complicated, you could do something with a fresh tomato sauce, which goes with everything.

Rigatoni: Thick Bolognese coats the ridge-covered outside and fills the cavernous tube&rsquos interior, making rigatoni a perfect vessel for consuming as much meat sauce as possible in every bite.

Spaghetti: We&rsquod argue that spaghetti is probably one of the most boring noodles, yet we all still love it. Carbonara (helllllo, creamy cheese sauce with bacon) is the only way to save it. Other decently acceptable sauces, such as tomato (and meatballs) or olive oil-based concoctions, should coat the noodles completely.

tortellini: Like ravioli, tortellini are filled with cheese or meat, but can stand up to a bit more liquid&mdashwhich makes a great option for brothy soups. Otherwise, these little belly buttons need no more than a simple sauce and possibly a few veggies thrown in for good luck and bit of crunch.

Ziti: The best choice for mac and cheese (and baked ziti, of course)! Here&rsquos why: Ziti&rsquos tubular shape is perfect for trapping cheesy sauce. And just so you know, ziti are actually a type of macaroni, so any recipe that calls for ziti can easily be swapped with elbow-shaped noodles.


Casoncelli come from the town of Bergamo in Lombardy, a region of Northern Italy. This large filled pasta is typically made with fresh pasta folded over meat or a mixture of meat, cheese, raisins, or other ingredients and pressed together to resemble wrapped candy. It is usually topped with a simple sauce of melted butter, pancetta, and sage leaves.

So, tell us: Did we miss a pasta? Which type of pasta is your favorite? How do you prepare it? Let us know in the comments!


Guarda il video: COME ASSEMBLARE UN PC. GUIDA DEFINITIVA (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Faulrajas

    Wacker, mi sembra un'idea straordinaria

  2. Cromwell

    È la frase preziosa

  3. Jerren

    Inoltre, faremmo a meno della tua straordinaria frase

  4. Kiganos

    Voglio che tu dica che non hai ragione.

  5. Sorley

    the Shining idea and is timely

  6. Amhold

    Che risposta piacevole

  7. Marwan

    Il numero non passerà!

  8. Yorg

    Che frase necessaria ... grande, un'idea straordinaria



Scrivi un messaggio