Ultime ricette

Zeppole sarde

Zeppole sarde



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ricetta Zeppole sarde di del 21-02-2020 [Aggiornata il 26-02-2020]

Le zeppole sarde o zippulas sono delle frittelle tradizionali tipiche del periodo di Carnevale. L'impasto è un semplice lievitato aromatizzato all'arancia, fatto però con semola rimacinata, ma la loro peculiarità sta nella forma: sono infatti delle lunghe frittelle a spirale (anche se talvolta si trovano semplicemente tonde, come le graffe).
Potrebbero sembrare difficili da fare, ma vi assicuro che con la mia spiegazione passo-passo con foto non avrete difficoltà ;)
Per ottenere la classica forma a spirale ci vorrebbe un imbuto apposito, ma io ho rimediato con una sac a poche dal beccuccio liscio. Sperando che gli amici sardi apprezzino le mie zippulas, (delle quali esistono chiaramente infinite versioni, con aggiunta di uova o patate ad esempio), vi lascio alla ricetta e se vi va lasciatemi anche le vostre versioni tra i commenti, ci leggiamo più tardi :*

Procedimento

Come fare le zeppole sarde

Disponete la farina a fontana in una ciotola, fate un buco al centro e versateci succo e buccia di arancia e il lievito sciolto nel latte appena tiepido.
Iniziate ad impastare (con una frusta/cucchiaio, non a mano in quanto sarà un impasto molto morbido), quindi aggiungete anche sale e liquore.

Una volta ottenuta una pastella densa e liscia, coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate lievitare per almeno 2 ore in un posto caldo.

Quando la pastella sarà ben lievitata, piena di bollicine in superficie, versatela in una sac-à-poche e, non appena l'olio è ben caldo, iniziate a formare le frittelle direttamente nella padella, una per volta, iniziando dal centro e proseguendo in maniera lenta e costante verso l'esterno in modo da ottenere delle spirali regolari.

Una volta finita la spirale (cercate di fare almeno 2 cerchi concentrici completi), mettete da parte la sac-à-poche e proseguite la cottura finché non vedrete che sotto la frittella è ben dorata, a quel punto giratela delicatamente aiutandovi con una paletta (di quelle adatte al calore) e fate dorare anche il secondo lato.
Man mano che sono pronte sollevatele con una schiumarola e lasciatele asciugare su carta assorbente, quindi proseguite con le altre.

Mentre cuociono le frittelle successive, passate quelle già pronte nello zucchero, in modo che si attacchi per bene.
A questo punto le zippulas sarde sono pronte, servitele calde, tiepide o fredde, come preferite!


Conosciute anche col nome di Zippulas queste frittelle a forma di spirale sono tipiche del carnevale sardo.

Per 6 persone

  • 500 g di farina
  • 15 g di lievito di birra sciolto in 2 cucchiai di latte tiepido
  • 1 patata lessa
  • 1 punta di zafferano sciolto in un cucchiaio di latte
  • 1 uovo
  • succo di un arancia
  • sale q.b.
  • 1 bicchierino di moscato secco
  • olio di oliva per friggere q. b.
  • zucchero q.b.

Con la planetaria o a mano preparate l'impasto con la patata schiacciata, la farina, lo zafferano sciolto nel latte, l'uovo, il succo di arancio, un pizzico di sale, il moscato ed infine il lievito sciolto nel latte. Mescolate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo dalla giusta consistenza. Fatelo riposare ricoperto con un panno fino a quando avrà radoppiato il suo volume.
Ritagliate dei quadrati di carta forno di circa 8 cm di lato spenellandoli con un po' di olio. Mettete l'impasto nella tasca da pasticciere con il beccuccio liscio del diametro di 2 cm. e formate su ogni quadrato di carta forno una ciambella a forma di spirale. Versate abbondante olio di oliva in una casseruola per friggere dai bordi alti e portatelo a circa 170°. Fate scivolare nell' olio, carta compresa, poche ciambelle per volta. Dopo pochi secondi la carta si staccherà e voi potrete toglierla aiutandovi con una pinza da cucina.
E' importante che le rigiriate spesso in modo che la cottura sia uniforme da entrambi i lati. Prima di servirle, sgocciolatele bene e spolverizzatele con lo zucchero.


Dolci Ricette: 1001 Ricette di Dolci e Torte

Regione che vai, Zeppole che trovi. Oggi Zeppole Sarde .

La ricetta originale delle Zeppole Sarde varia in base alle diverse provincie della magnifica isola. Chi le prepara come un serpentone lungo arrotolato, simile ai tedeschi Strauben, chi invece le fa più simili alle graffe. Avendole assaggiate entrambi devo dire che comunque sono deliziose.

A Carnevale è un tripudio di ricette di frittelle e zeppole, questa variante Sarda si diversifica dalle altre per l'utilizzo dello zafferano che colora la pasta di arancione. Calde, morbide e golose, non resta altro che preparare le deliziose Zippulas :-)

Ricordati di farmi sapere come ti sono venute le Zeppole Sarde lasciando un commento in fondo o condividendo la foto con me sulla pagina Facebook di Dolci Ricette

QUESTA RICETTA è
INGREDIENTI
COME PREPARARE le Zeppole Sarde
  1. Sciogli il lievito di birra nel latte caldo.
  2. Lessa le patate sbucciate e schiacciale.
  3. Forma una fontana con la farina, metti le uova al centro e impasta.
  4. Aggiungi lo zucchero e lo zafferano impastando.
  5. Aggiungi le patate continuando ad impastare.
  6. Aggiungi il latte ed eventualmente altra farina se l'impasto risulta troppo umido.
  7. Impasta energicamente per 5 minuti.
  8. Lascia lievitare in una ciotola coperta per due ore.
  9. Riscalda l'olio in una padella capiente.
  10. Forma le Zeppole della misura che preferisci.
  11. Friggi le Zeppole da entrambe i lati.
  12. Passa le Zeppole calde nello zucchero semolato e lasciale riposare qualche istante su un foglio di carta assorbente.
I MIEI CONSIGLI
  • Puoi decidere la forma delle Zeppole Sarde e sbizzarrirti con la fantasia.
  • Se vuoi, aggiungi all'impasto un bicchierino di liquore.
RICETTE VIDEO delle Zeppole Sarde
Zeppole Sarde con Ricotta

Questa è proprio una video ricetta curiosa: Zeppole sarde con Ricotta alla maniera Amaricana :-).

Zeppole Sarde Lunghe

Una video ricetta proprio originale, il procedimento originalissimo per cuocere le tipiche Zeppole Sarde.

ALTRE RICETTE per le Zeppole Sarde
Zeppole Sarde col Bimby

Con questa ricetta potrai preparare delle deliziose Zeppole Sarde con il Bimby.


Forma delle zeppole sarde

Ciambelline irregolari
Sono le tipiche zeppole di qualche paesino della Barbagia e di Cagliari, dove “quelle lunghe” si chiamano frittura araba.
La forma trae in inganno molti sardi non cagliaritani, per i quali tutte le ciambelle fritte sono parafrittus (fatti fritti). Ma l’irregolarità della forma e i bordi frastagliati le allontanano dalla morbida rotondità dei frati fritti.
Nella capitale sarda non si bada alla linea quando si tratta di dolci di Carnevale. A chi chiede zeppole capita di sentirsi rispondere: “Semplici o con la crema?”

In ogni caso ricordate: anche ad anello, le zeppole non sono parafrittus. Perché?

Perché nascono da un impasto liquido, che quindi non può gonfiarsi più di tanto nonostante la lunga lievitazione: non ha la struttura adatta per trattenere i gas. Nell’olio arriva necessariamente attraverso un imbuto o un sac à poche. Col calore si rigonfia un pochino, ma non abbastanza da nascondere le irregolarità che si sono formate nel “tuffo”.

I parafrittus invece hanno la loro bella forma a ciambella già prima della lievitazione, che affrontano sulla stessa teglia in cui verranno infornati quando saranno gonfi abbastanza.

Frittelle lunghe
Le frittelle lunghe sono le più diffuse nel territorio sardo e spesso e volentieri accompagnate dai parafrittus o dagli altri dolci di carnevale sardi, che puoi ammirare qui, preparati da bravi foodblogger.


Conosciute anche col nome di Zippulas queste frittelle a forma di spirale sono tipiche del carnevale sardo.

Per 6 persone

  • 500 g di farina
  • 15 g di lievito di birra sciolto in 2 cucchiai di latte tiepido
  • 1 patata lessa
  • 1 punta di zafferano sciolto in un cucchiaio di latte
  • 1 uovo
  • succo di un arancia
  • sale q.b.
  • 1 bicchierino di moscato secco
  • olio di oliva per friggere q. b.
  • zucchero q.b.

Con la planetaria o a mano preparate l'impasto con la patata schiacciata, la farina, lo zafferano sciolto nel latte, l'uovo, il succo di arancio, un pizzico di sale, il moscato ed infine il lievito sciolto nel latte. Mescolate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo dalla giusta consistenza. Fatelo riposare ricoperto con un panno fino a quando avrà radoppiato il suo volume.
Ritagliate dei quadrati di carta forno di circa 8 cm di lato spenellandoli con un po' di olio. Mettete l'impasto nella tasca da pasticciere con il beccuccio liscio del diametro di 2 cm. e formate su ogni quadrato di carta forno una ciambella a forma di spirale. Versate abbondante olio di oliva in una casseruola per friggere dai bordi alti e portatelo a circa 170°. Fate scivolare nell' olio, carta compresa, poche ciambelle per volta. Dopo pochi secondi la carta si staccherà e voi potrete toglierla aiutandovi con una pinza da cucina.
E' importante che le rigiriate spesso in modo che la cottura sia uniforme da entrambi i lati. Prima di servirle, sgocciolatele bene e spolverizzatele con lo zucchero.


Shrove Tuesday, also known as Pancake Day, is traditionally the day before the beginning of Lent. During this Catholic holiday lasting forty days, followers of Lent should avoid eating meat and other fatty or sweet foods, which is why Shrove Tuesday is the day they feast and treat themselves to a special meal. You might have guessed that we do not eat pancakes on this special occasion in Italy, as each region makes their own traditional cakes. In Sardinia we have zeppole, in dialect Zippuas, very tasty fritters that look like doughnuts and taste of saffron and orange. The four days leading up to Shrove Tuesday in Italy are known as Carnival, a word that comes from a Latin expression that means “to give up meat”, and is celebrated by dressing up in colourful costumes. The most famous Carnivals in Italy are those of Venice and Viareggio, yet in Sardinia we also have a very traditional one at Mamoiada, where it is possible to see the ancient masques, Mamuhtones, and enjoy several shapes of zippuas.

Ingredients:
500g type 00 flour
1 potato
1 orange (zest and juice)
250ml milk
2 eggs
1 cube active beer yeast (or about 7g active yeast)
Some threads of saffron
1 sachet of vanilla flavoured yeast for cakes
A splash of aquavit (I didn’t have any Fil’e Ferru at home, so I used a good Kirsch)
Seed oil for frying
For serving:
100g sugar

Step 1 – Clean and peel a potato and put it to boil until ready to be mashed. In the meantime, grate the zest of an orange and then juice it. Once the potato is ready, mash it making sure you have no solid chunks of potato left. Beat the eggs with the saffron and leave on the side. Warm up the milk and melt the cube of beer yeast in it, being careful not to heat up the milk too much.

Step 2 – Now you can start making your dough. This dough should stay warm, so I suggest you make this cake on a day when your kitchen is warm. For example, I made it the same day I baked bread and kept the door closed for the whole preparation time, making sure the kitchen stayed nice and warm. Also, make sure the bowl you use for the mixture is warm (you can fill it up with hot water and empty it just before starting). Put the flour in your warm bowl, add in the luke-warm milk and start working the dough with your hands. Add the orange zest and juice and keep kneading.

Step 3 – Add the mashed potato and work the dough more. Mix in the beaten eggs and keep kneading with energetic movements so the dough keeps warm. Then add the aquavit and finally the powder vanilla yeast. At this point, in order to make sure the dough becomes homogeneous finish working the dough with the kneading hooks of your hand mixer. Place your dough in a big warm container and once you cover it with cling film, put it in the oven to prove. The oven should be at temperature zero and with only the light on.

Step 4 – After proving, the dough should have at least doubled in size and you are ready to fry. Heat some oil in a frying pan you are going to deep fry, so be generous. Wet your hands in oil and take a bit of dough in your hands and try to create a ring shape. Put your doughnut in the hot oil, using a disposable chop stick (or try with something thicker like the handle of a wooden spoon) to keep the hole in shape. Fry them until golden and put them on a tray covered on kitchen paper so the residue oil can be absorbed. Remember, Carnival is all about laughing at ourselves and not taking life so seriously – it’s OK if your zeppole are not perfectly shaped, mine were quite messy as well!

Step 5 – Whatever shape they are, cover your zeppole in sugar and serve them warm! Have you heard of zeppole before? If you try them, let me know how it goes!


Ingredienti per le zeppole sarde

Sciogliete il lievito nel latte tiepido (non bollente).

In una ciotola capiente mettete la semola rimacinata.

Al centro ponete tutti gli altri ingredienti.

Mescolate con una forchetta, partendo dal centro.

Coprite e lasciate lievitare l’impasto due ore a temperatura ambiente.

Trasferite in una sac à poche

Scaldate abbondante olio di semi, e quando sarà caldo formate le vostre spirali.

Cuocete a fiamma bassa per 4-5 minuti, e delicatamente capovolgete le vostre zippulas.

Ultimate la cottura, fate asciugare l’olio in eccesso e passate nello zucchero.


Karen in Cucina

1. Lavate le patate con cura e lessatele con tutta la buccia in acqua salata per circa 40-45 minuti. Accertatevi dell’avvenuta cottura punzecchiandole con una forchetta, scolatele, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.
2. Fate intiepidire in un pentolino il latte. Sbattete i tuorli e l'uovo intero con la scorza d'arancia grattugiata e fate sciogliere il lievito con 2 cucchiaini rasi di zucchero in un bicchiere di latte. Utlizzate quello appena scaldato.
3. Iniziamo ad impastare. Nella "scivedda" unire la farina setacciata con le patate e le uova e lavorate l'impasto fino ad ottenere un composto ancora molto asciutto ma omogeneo.
4. Versate 1/4 del latte e il lievito sciolto, impastando con i pugni chiusi in modo da agevolare l'assorbimento del liquido. Proseguire la lavorazione fino a quando l'impasto non risulta sodo e morbido.
5. Continuate a lavorare l'impasto, come si lavora il pane, versando poco per volta il restante latte. Una volta terminato il latte versate su fil' 'e ferru.
6. E' fondamentale lavorare l'impasto per almeno 30/40 minuti menando la pasta, sbattendola dal basso verso l'alto per incorporare aria e favorire in questo modo la lievitazione.
7. Lasciate lievitare per circa un'ora e mezza coprendolo sa scivedda con la carta da forno e avvolgendola con una tovaglia o una coperta. E' importante che l'ambiente sia caldo e privo di correnti. L'impasto sarà pronto quando il suo volume sarà raddoppiato.

Cottura
In una padella larga a sponde alte versate l'olio e lo strutto e fatelo scaldare.
Zippulas tipiche del cagliaritano
Inumiditevi le mani con del latte, prelevate un cucchiaio di impasto appiattitelo nel palmo di una mano e praticate un foro largo al centro come quello di una ciambella. Immergete la zippula nell'olio.
Zippulas tipiche del sarrabese
In un imbuto o in una sac à poche con un foro di 1 cm circa versate dell'impasto e lasciatelo cadere dall'imbuto o sac à poche nell'olio formando una spirale.

Fate dorare le Zippulas leggermente e irrorate la parte emersa con l'olio caldo. Una volta che la superficie risulta dorata fatele asciugare sopra della carta assorbente. Infine cospargete le zippulas di zucchero o miele e sistematele in un vassoio ricoperto da un tovagliolo.


Ricette

Cuochi guardate che foto splendida fa venire voglia di prenderne una.


Le zeppole sono delle frittelle che si fanno in Sardegna per carnevale ci sono tante ricette e diversi modi e ingredienti, questa é quella che fa Consy con la ricotta.

INGREDIENTI:
1 kg di farina 00
12 Litro di latte
Acqua q.b.
200G Ricotta
2 patate bollite
2 bucce di arance grattuggiate
succo di 1 arancio
2 uova
1 bicchierino di sambuca
35 g di lievito di birra(sciolto nel latte mezzora prima e coperto da un tovagliolo)

PREPARAZIONE:
impastare la farina con l'acqua,aggiungere le patate poi la ricotta,uova,la buccia delle arancie e il succo e il liquore.


lavorare x bene la pasta e poco alla volta aggiungere il lievito.

impastare energicamente x circa mezzora

(piccolo segreto bisogna lavorare la pasta a mano e molto energicamente xke la pasta deve essere liscia senza agrumi)

far lievitare x 2 ore circa

come la pasta e lievitata mettere l'olio a riscaldare,l'olio deve essere ben caldo, e preparare un pentolino con acqua.

quando l'olio e pronto si bagnano le dita nell'acqua e si prende un po di pasta e si fa la forma delle zeppole con il buco al centro e come le mettete nell'olio con un bastoncino aggiustate il buco della zeppola.


Video: ZEPPOLE SARDE - Il sapore della tradizione sarda (Agosto 2022).