Ultime ricette

Il meglio di Ann Arbor Food Porn

Il meglio di Ann Arbor Food Porn



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cibo di Ann Arbor.

Anziani: se non hai provato nessuno dei seguenti prodotti alimentari, ora è il momento. cogli l'attimo. Prendi il panino. Vai a firmare il muro del mais e del blu. Prendi una zuppa di tortilla di formaggio da Le Dog una (o tre) volte in più. Concedetevi un viaggio a Melange per alcuni nachos d'anatra. E, per l'amore di tutte le cose sante nel Michigan, vai a provare come un matto da Zingerman.

Di seguito, abbiamo raccolto alcuni dei migliori cibi di circa AA che Spoon ha coperto quest'anno. Godetevi il cibo porno, signore e signori, e congratulazioni a tutti i laureandi.

Il meglio di AA (AKA Ann Arbor Food Porn):

Zingerman's Deli: tutto.

Foto di Zoe Zaiss

NeoPapalis: pizza Margherita

Foto di Alex Weiner

Isalita: nachos

Foto di Brooke Gabriel

Uovo Rotto: frittelle

Foto di Annie Madole

Le Dog: zuppa di tortilla di pollo al formaggio

Foto di Amy Henson

Frita Batidos: frita (necessario l'uovo)

Foto di Zoe Zaiss

Kilwin's: gelato

Foto di Zoe Zaiss

Blue Tractor: mac 'n cheese

Foto di Annie Madole

Charley's: $ 4 hamburger giovedì

Foto di Alex Weiner

Rich JC: Bibimbap

Foto di Zoe Zaiss

BurgerFi: Patatine al parmigiano

Foto di Julie Mirliss

Maize e Blue Deli: qualsiasi cosa su challah alla griglia (#32 e #18, preferiti personali).

Foto di Annie Madole

Pomeriggio Delizia: muffin grigliati

Foto di Krysten Dorfman

Fleetwood Diner: Hippie Hash

Foto di Julie Mirliss

Jolly Pumpkin: birra artigianale (E il panino con pollo e brie. Fidati di me.)

Foto di Adam Weiss

Aventura: Patatas Bravas

Foto di Ben Rosenstock

Washtenaw Dairy: ciambelle

Foto di Julie Mirliss

Ray's Red Hots: hot dog

Foto di Rachel Ferreira

Glassbox: caffè

Foto di Alex Weiner

Wafel House: waffle

Foto di Alex Weiner

Black Pearl: tacos di pesce

Foto di Adam Weiss

Visualizza il post originale, Best of Ann Arbor Food Porn, su Spoon University.

Scopri altre cose interessanti dalla Spoon University qui:

  • 12 modi per mangiare il burro per biscotti
  • Ultimi trucchi per il menu di Chipotle
  • Ricetta del panino Copycat Chick-Fil-A
  • La scienza dietro le voglie di cibo
  • Come fare la tua farina di mandorle

Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che qui è ancora relativamente raro. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritte vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziosi, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziosi, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra san francescano - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritte vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziosi, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra san francescano - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra san francescano - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziosi, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritto vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che è ancora relativamente raro qui. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra san francescano - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritte vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Un ristorante di Ann Arbor che serve "cibo di sostanza"

Sede di un'importante università e dell'impero di specialità gastronomiche di Zingerman, Ann Arbor non è esattamente un deserto di ristoranti. Ma fino a poco tempo fa, non era il tipo di città in cui entravi in ​​un ristorante e trovavi fiori di aneto nella tua zuppa di ciliegie o polline di finocchio nei tuoi biscotti di semola.

Da Spencer, il minuscolo bar e ristorante di vino e formaggio che Abby Olitzky e Steve Hall hanno aperto in centro lo scorso ottobre, troverai proprio questo tipo di piatti, parte di un menu rotante di piccoli piatti con il tipo di graziose, iper- cibo locale e stagionale che qui è ancora relativamente raro. "Riceviamo clienti che entrano e dicono: 'Questo cibo sembra San Francisco - spero che non sia strano'", ha detto la signora Olitzky.

Dato il DNA di Spencer, non è affatto strano: la signora Olitzky, una pasticcera, ha incontrato il signor Hall, un venditore di formaggi, quando i due lavoravano nei ristoranti vicini a San Francisco, la città natale della signora Olitzky. "L'ho corteggiata con una pagnotta di segale di Zingerman", ha detto il signor Hall, nativo di Ann Arbor (e allume di Zingerman). La coppia è arrivata in Michigan con l'idea di fare qualcosa a Detroit, ma si è subito innamorata di Ann Arbor. Hanno progettato Spencer come un ritrovo di quartiere pieno di caffè, pasticcini da asporto e pareti imbiancate, decorando il ristorante solo con fiori freschi e due ritratti a olio del XIX secolo.

Come il suo arredamento, il cibo di Spencer è una fantasia di Instagram: a una cena all'inizio di agosto, quella ciotola di zuppa di ciliegie fredda, la sua superficie cremisi striata di crème fraîche e punteggiata di ciliegie macinate verde chiaro, è stata accolta da un coro di fotocamere dell'iPhone. Ma è anche cibo di sostanza: un'insalata di rucola, fagioli sgranati Lingua di fuoco, cipolla rossa sott'aceto e briciole di pane fritte vantavano sapori tanto robusti quanto equilibrati.

Un piatto di cetrioli e melone del mercato contadino ha ricevuto una gioiosa spinta umami da una tuille di olive Beldi e cremose gocce di feta montata. Pomodorini e tomatillo in salamoia, nel frattempo, hanno dato un tocco acido ai nastri di hamachi crudo guarniti con scorza di lime e shiso.

Tutto il cibo è stato traghettato ai commensali dai cuochi che lo hanno preparato, un'altra svolta che ha reso Spencer una specie di salto concettuale per Ann Arbor. "Le dimensioni delle porzioni e le parole come 'crudo' sono state sfide decisive" all'inizio, ha ammesso il signor Hall.

"C'era un po' di tenerezza" con i loro commensali, ha aggiunto la signora Olitzky. “Ma cuciniamo quello che vogliamo cucinare. Preferirei tenermi per mano piuttosto che non farlo".


Guarda il video: Pros u0026 Cons of Living In Ann Arbor Michigan (Agosto 2022).