Torrijas



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

È una ricetta spagnola imparata da mia nuora Dana.
È molto buono e lo ripeterò perché ha avuto successo.

  • 1 bagel
  • 2 uova
  • 250ml. latte
  • 200 gr. zucchero granulare
  • 2 cucchiai di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • 250ml. olio

Porzioni: 6

Tempo di preparazione: meno di 30 minuti

PREPARAZIONE DELLA RICETTA Torrijas:

Affettare il pane.

Sbattere le uova, aggiungere il sale in polvere.

Mescolare lo zucchero con la cannella.

Passare le fette di pane nel latte, poi nell'uovo sbattuto e friggerle in olio caldo da entrambi i lati. Toglieteli dall'olio e passateli nello zucchero mescolato alla cannella.

Sono fragranti e molto gustosi.

Buon appetito !!!


Siti di suggerimenti

1

Servire con cacao e latte o tè a piacere.


Torta con miele, olio e cannella: sapore torrijas

Per ora, quest'anno non è il momento di fare i brindisi. Preferisco invece fare una torta che abbia il sapore del tradizionale dolce da toast. Come le torrijas, ho aggiunto alla torta olio d'oliva vergine, miele e cannella. Per renderlo più succoso, potremmo berlo con uno sciroppo Vino piccante, in onore delle torri del vino.

Ingrediente: 3-4 uova (a seconda della grandezza), 100 gr. di zucchero, 100 gr. di miele, 200 gr. farina, 8gr. o mezza busta di lievito per dolci, un pizzico di sale, 200 gr. Olio d'oliva leggero

Preparazione: Iniziamo separando gli albumi dai tuorli. Montiamo i bianchi con le bacchette nel punto neve. A parte, sbattere i tuorli con lo zucchero fino a quando non diventa una crema biancastra. Quindi aggiungere il miele.

Mescolare la farina con il sale e il lievito e aggiungere alla crema di tuorli e miele. Infine mettete l'olio e sbattete con i bastoncini per qualche secondo. Incorporiamo questa tabella in modo chiaro e integriamo tutto con attenzione. Passare l'impasto in una teglia unta e farlo riposare per 30 minuti. Quindi infornare a 180° per circa 30 minuti o finché il pan di spagna non esce pulito quando si buca la torta con un ago. Si consiglia di aprire la torta dopo che è ben calda e lasciarla raffreddare completamente su uno scaffale.

Il contenuto dell'articolo rispetta i nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore, clicca qui.

Articolo completo: Ricetta »ricette» Colazione e merende » Torta con miele, olio e cannella: sapore torrijas


Insalata di spinaci con noci e mirtilli, con formaggio o baccalà?

Un'insalata fresca e primaverile che vale lo stesso sia per noi condividere in mezzo alla tavola che per accompagnare un piatto di carne o di pesce. Mirtilli secchi Si possono acquistare in qualsiasi supermercato (almeno le trovo facilmente), ma per quelle cattive mettiamo l'uvetta. Variante? Spinaci con codice Funzionano benissimo, quindi con qualche fetta di merluzzo dissalato o affumicato può essere buonissimo, no?

Ingrediente:
Per la salsa vinaigrette: 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 3 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di aceto di vino bianco, 2 cucchiai di aceto di mele, 1 cucchiaio di semi di sesamo tostati, un pizzico di paprika.
Per l'insalata: 1 busta di spinaci puliti, 1 cipollotto tritato finemente, 150 g di mirtilli secchi, 80 g di mandorle pelate e fritte (ottime anche con pinoli o mandorle), 120 g di formaggio fresco o formaggio di capra grattugiato

Preparazione: Dopo aver lavato gli spinaci (se non quelli già pronti da mangiare), li asciugiamo per eliminare l'acqua in eccesso. Per fare la vinaigrette, in una ciotolina, o in un barattolo o bottiglia con il coperchio ermetico, mescolare l'olio, lo zucchero, l'aceto, i semi di sesamo e la paprika. Sbattere o agitare bene fino a completo assorbimento.

Per preparare l'insalata è sufficiente mescolare gli spinaci, la cipolla, i mirtilli, il formaggio e le mandorle in una grande insalatiera e ricoprirla con il condimento. Mescolare delicatamente per distribuire uniformemente.

Il contenuto dell'articolo rispetta i nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore, clicca qui.

Articolo completo: Recetin »ricette» insalate » Insalata di spinaci con noci e mirtilli, con formaggio o baccalà?


Torte senza latte

C'è qualcosa di più costoso di un cupcake? I cupcakes hanno fatto un enorme ritorno negli ultimi anni, serviti in pasti gourmet e pasticcerie, oltre a feste divertenti e con i piedi per terra. La maggior parte delle ricette di cupcake sono fatte con burro e altri ingredienti derivati ​​dal latte, ma questi premi senza latte sono altrettanto buoni. Non perderai nemmeno il latte!

La maggior parte delle ricette di glassa e gelato acquistate in negozio sono anche preparate con una quantità spaventosa di ingredienti derivati ​​dal latte, ma se stai cercando qualcosa per gustare prelibatezze senza latte, dai un'occhiata a queste ricette di glassa senza latte per alcune gustose, - modi gratuiti per aggiungere la glassa al cupcake!

Cupcakes al limone

C'è qualcosa nei dessert al limone che fa sorridere le persone, e questi cupcakes non fanno eccezione. Sono divertenti ed eleganti allo stesso tempo, perfette per feste di grandi o bambini.

Cupcakes leggeri al cioccolato

Queste sono alcune delle torte più facili da realizzare, che le hanno rese le preferite dai bambini che vogliono aiutare in cucina.

L'angelo del cibo

Quando si fa a meno del latte, molti spesso dimenticano la classica torta al latte: la torta del cibo degli angeli! Leggeri, a basso contenuto di grassi e adatti a una varietà di glasse, frutta e altri condimenti, queste sono semplici idee per dessert per quegli agricoltori che non sono allergici alle uova.

Cupcakes Torta Di Carote

Questi delicati cupcakes senza latte sono perfetti per ogni periodo dell'anno, per ogni tipo di festa. Preparati con carote tritate, ananas tritato e noci, queste sono le vacanze in sé!

Bevande senza latte senza latte

Perfetti con qualsiasi glassa senza latte o topping, questi dolcetti sono facilmente versatili e adatti ad ogni occasione.

Cupcakes al cioccolato

Questi cupcakes sono ricchi, decadenti e incredibilmente facili da preparare e trasportare, rendendoli perfetti per feste di compleanno o feste scolastiche.

Cupcakes Vegani al Limone

La perfetta combinazione di torta e dolce, questi cupcake vegani al limone sono un'aggiunta a qualsiasi festa.

Abiti di velluto rosso

Brillanti e divertenti, questi dolcetti senza pomodoro sono un classico al profumo di cacao rimasto senza latte.

Cupcakes vegani francesi alla vaniglia

Combinando una torta dolce e umida con aromi di vaniglia e nocciola, questi cupcakes vegani alla vaniglia francese sono davvero deliziosi, soprattutto se ricoperti con questa glassa al cioccolato alla nocciola.

Cupcakes alla crema di limone

Questi deliziosi cupcake al latte sono perfetti per i mesi primaverili ed estivi, quando i sapori vivaci come il limone sono i gusti della stagione. Ripieni di latte scremato e intasati di crema reale, renderanno sicuramente meno dolce chiunque.

Cupcake vegani alla banana

Morbidi, dolci e carichi di sapore di banana, questi cupcakes sono perfetti per feste o trattamenti quotidiani.


Quiche di Riso Selvatico

Mi piace molto questa ricetta per la quiche di riso selvatico. Il riso selvatico è un'aggiunta eccellente a una quiche liscia e cremosa. Puoi usare altri tipi di riso se vuoi, incluso il riso basmati o integrale, ma penso che questa ricetta sia perfetta così com'è.

Puoi usare altre verdure in questa quiche. I funghi andrebbero bene in aggiunta o al posto del peperoncino. Oppure aggiungete dei fagiolini tritati o dei piselli. Oppure cambia il formaggio in Colby, CoJack o Pepper Jack per il calore.

Questa quiche è perfetta per il brunch o la cena, soprattutto in una fredda giornata invernale. Servire con insalata verde e asparagi al vapore o fritti.


Dolci tradizionali di Pasqua in Spagna

Pasqua si avvicina di nuovo, e le vacanze di Pasqua sono molto importanti in Spagna, celebrate quest'anno dal 28 marzo al 4 aprile 2021. Come nel 2020, a causa dell'epidemia di coronavirus in Spagna, gli eventi di quest'anno saranno con sicurezza leggermente diversa. È improbabile che si svolgano le tradizionali parate scure che di solito riempiono le strade durante la Settimana della Passione, ma ciò non significa che non si possa gustare il cibo tradizionale di Pasqua. Puoi anche provare a preparare il cibo pasquale spagnolo tradizionale a casa!

Questo è il top dei 9 pasticcini e dessert spagnoli che sono tradizionali durante la Pasqua e che ti faranno venire l'acquolina in bocca.

Torrijas

Di tutti i dolci pasquali in Spagna, torrijas (una specie di spiedino) sono probabilmente i più popolari. Sono fette di pane bagnate nel latte, passate attraverso l'uovo, fritte in olio d'oliva e servite con zucchero o cannella sopra. Torrijas si trovano ovunque, nei caffè e nei ristoranti e persino nei bar di tutta la Spagna in questo periodo dell'anno.

Involtini fritti

rosso o ciambelle sono una specie di ciambelle fritte nell'olio, proprio come torrijas, e ogni regione della Spagna ha la sua versione di questo dolce. Possono essere farciti con qualsiasi cosa, dalla crema alla vaniglia al liquore all'anice, e possono essere croccanti o morbidi.

Panquemado

Conosciuto anche come panquemao, e con un nome che si traduce come "toast", questo dolce pasquale tradizionale di Valencia all'inizio potrebbe non sembrare troppo appetitoso, ma una volta che lo vedrai e ne sentirai l'aroma dolce, non potrai più fermarti.

Ciambelle al vento

ciambelle sono piccole e dolci ciambelle che vengono consumate più volte durante l'anno in Spagna, anche se sono le più tradizionali per Pasqua e Halloween. I più gustosi sono farciti con crema alla vaniglia, e il modo migliore per gustarli è con accanto una tazza di cioccolata calda. C'è anche una deliziosa versione salata a base di baccalà, altrettanto tradizionale per questo periodo dell'anno.

Ciglia

Questo dolce è il tipico cibo pasquale andaluso. Ciglia sono quadrati di pasta piegata che spesso contengono sherry e liquore all'anice per un gusto forte e aromatico. Tradizionalmente, nei piccoli villaggi dell'Andalusia, l'intera popolazione della città si riunisce e lavora come una squadra per lavorare insieme. ciglia, una tradizione pasquale che mette in risalto il vero spirito della comunità.

Gañotes de Ubrique

Un'altra tradizione culinaria della Pasqua in Spagna si riferisce a Bestiame Ubrique che sembra e suona strano e divertente. Anche di origine andalusa, in particolare dalla provincia di Cadice, hanno una forma a spirale, dolce e succosa, la città di Ubrique ospita la propria competizione hai vinto in onore di questa ricetta tradizionale locale.

Scimmia pasquale

Se stai pensando di preparare un ottimo pasto pasquale, un'altra semplice idea per il pasto pasquale è scimmia pasquale. Questa torta rotonda sembra roscón-ul che gli spagnoli mangiano a Natale ed è molto facile da realizzare. Tutto ciò che serve è farina, zucchero, uova e lievito. La cosa che fa scimmia pasquale diverse dalle altre torte sono le uova sode messe nell'impasto per la decorazione.

Malaga ubriaca

Il nome di questo dolce deriva dalla parola spagnola "ubriaca", per il fatto che vengono imbevuti di vino prima di essere fritti nell'olio e ricoperti da un abbondante strato di zucchero. Questi sono tipici della zona di Malaga e si possono trovare nelle vetrine di qualsiasi panificio della zona.

Uova di Pasqua

Oltre ai tanti dolci e dessert tradizionali pasquali molto diversi in Spagna da quelli rumeni, c'è una cosa che abbiamo in comune: le uova di Pasqua. cioccolato. Conosciuti in spagnolo come "huevos de Pascua" o "huevos de chocolate", vengono regalati ai bambini come regalo di Pasqua e spesso hanno un piccolo regalo all'interno.


Deportazione culturale

Nel 2012, sette coraggiosi amici hanno creato un "business sociale" costituito da un negozio di riparazione di biciclette, lo "Scambio culturale" e un piccolo bar accogliente a Novi Sad, nel nord della Serbia. Anna, Suzzy, Lani, Danny, Mary, Pavel e Simon trascorrono il loro tempo insegnando agli altri come riparare le loro biciclette, organizzando workshop e corsi di lingua per lo più gratuiti.

Da allora, il progetto ha dovuto sopportare alcune difficoltà, che era prevedibile, data un'idea così audace. Uno di questi era imprevedibile, come il fatto che alcune voci diffuse su internet potrebbero avere a che fare con il fatto che a Simon, il fondatore del progetto, sia stata rifiutata per la prima volta la sua domanda di visto.

Simon è un americano/filippino di 32 anni. Si è interessato ai Balcani all'età di 19 anni, quando ha fatto parte di una missione umanitaria negli anni del dopoguerra in Bosnia ed Erzegovina, e poi ha avuto il desiderio di vedere altri paesi dell'ex Jugoslavia. Ha iniziato a viaggiare con sua moglie dal Montenegro alla Croazia e il festival musicale Exit lo ha portato per la prima volta a Novi Sad.

"È stato fantastico, la prima volta che ho visto Novi Sad mi è piaciuto molto. All'inizio mi piacevano le persone, tutto sembrava così fresco. Stava accadendo poco dopo la guerra e l'Exit festival era qualcosa di nuovo, c'era molto attivismo. Quindi mi è piaciuta particolarmente Novi Sad, e dopo aver parlato con persone della mia età ho sentito che c'erano molte più cose da fare qui rispetto agli Stati Uniti o all'Europa occidentale. Ho aperto un piccolo blog Word Press e l'idea era di fare qualcosa senza sponsor o aiuto da altre associazioni. Volevo trovare persone che condividessero le stesse idee. "

"Volevo trovare un equilibrio tra assistenza sociale e impresa. È un centro comunitario, un business e allo stesso tempo un progetto sociale».

"Cerchiamo di offrire tutto in un unico posto. Forse l'idea è un po' troppo idealistica, ma volevo avere un negozio di riparazione bici gratuito combinato con un negozio di bici. Il "laboratorio di biciclette" dispone di strumenti che chiunque può utilizzare. Quasi tutti hanno gli strumenti necessari per riparare le biciclette, ma ce ne sono sempre di speciali che non tutti hanno. Quindi chiunque può venire qui per riparare la propria bici gratuitamente e i nostri volontari mostrano loro come farlo. Le persone acquistano le parti di cui hanno bisogno, anche se alcune sono gratuite. Il bike shop è la parte del progetto che ci permette di autofinanziarci, dove produciamo le nostre bici, e un bar-caffetteria dove organizziamo workshop”, racconta Simon Wilson, iniziando la sua storia.

Il suo concetto di non avere un'associazione che gli fornisse le risorse necessarie e di non fare affidamento sull'aiuto del governo era un approccio completamente nuovo, poiché tali iniziative si basano solitamente sul sostegno di fondi o associazioni. Tuttavia, Simon dice che, per sua esperienza, l'aiuto ricevuto da varie associazioni o dallo stato di solito ti immerge in troppa burocrazia, e quindi il tuo progetto, che inizialmente sembrava buono e pratico, finisce per sembrare buono solo sulla carta. .

"Quando abbiamo cercato di spiegare alle persone cosa stavamo facendo qui, qual era la nostra idea, tutti pensavano che suonasse alla grande, ma nessuno pensava che l'avremmo messa in pratica, nessuno. Tutti sono rimasti sorpresi quando è successo. Dopo di che sono diventato molto popolare qui. Se non avessi avuto problemi con i visti e la burocrazia, le cose sarebbero andate molto bene. Avevamo cominciato a fare qualche collegamento con Belgrado, ma la storia del visto ha ritardato tutto».

Il loro desiderio di fare qualcosa di positivo per l'ambiente, usando idee per riciclare, ispirare e insegnare agli altri sembrava un'idea fresca, soprattutto in un momento in cui per molti era vista come in crisi di idee. Ha attirato l'attenzione e l'interesse su di loro e su ciò che stavano facendo in Serbia. Quando divennero più noti in città, alcuni siti di media online inventarono una storia sostenendo che il gruppo apparteneva a un'associazione chiamata "The International Family" e che il suo scopo era quello di reclutare nuovi giovani per ogni tipo di strambo. C'è stata una divisione dell'opinione pubblica a Novi Sad, e anche se la maggior parte continua a venire allo "Scambio culturale" e continua a supportare la squadra, non tutti lo fanno. Successivamente è arrivata una vera attenzione da parte della stampa, quando Simon, e poi alcuni suoi amici, non hanno ricevuto l'estensione del visto che avrebbe permesso loro di rimanere in Serbia. Sebbene Simon insista di aver già ottenuto un'estensione del visto senza problemi prima, questa volta le cose non sono andate secondo i piani.

Ne è valsa la pena il sacrificio? - si chiedono molti di noi. L'autore dell'articolo voleva sapere cosa li motiva, nei tempi attuali di crudele capitalismo, a farsi da parte e intraprendere la strada dell'attivismo sociale.

"Con tutti i progressi che abbiamo fatto nel design e nella tecnologia, le cose dovrebbero richiedere più tempo, ma ciò che sta accadendo è il contrario. Ecco perché abbiamo problemi con l'economia, esaurendo così tante risorse e così tanta energia».

Avere il coraggio di avviare un'impresa sociale senza un grande investimento monetario (soprattutto in tempi rischiosi) è stato un gesto un po' eroico. E non dimentichiamo che Simon ei suoi amici hanno avuto questa idea in Serbia, un paese dove la preoccupazione più importante a livello nazionale è il tasso di disoccupazione. Forse questo, per loro, era una fonte di motivazione e un messaggio per i lettori che tutto è possibile, se fai qualcosa in cui credi veramente.

"Ci sono stati momenti difficili, quando sai di avere un budget limitato e vuoi creare uno stile di vita e un approccio al progetto, poi le persone iniziano a litigare per un motivo o per l'altro. Avevo un altro amico, un ragazzo davvero appassionato, ma è partito per l'Italia un anno dopo. È un bravo ragazzo, ma questo stile di vita richiede sacrifici e dopo un po' puoi mollare tutto».

"Ma questa è stata la bellezza del progetto fin dall'inizio. Non tutti hanno una visione d'insieme. E quelli che ce l'hanno vedono un grosso problema. Ma questa non dovrebbe essere la preoccupazione principale. Se una finestra in un edificio è rotta, o se la scuola preparatoria non ha un insegnante, o la spiaggia è ricoperta di spazzatura, queste devono essere le nostre principali preoccupazioni. Dobbiamo concentrarci su ciò che è vicino a noi. Non puoi guardare gli altri problemi senza prima chiederti quali sono i problemi nel tuo cortile. Ecco di cosa si tratta: prendersi cura della propria comunità, della propria città e fare qualcosa di positivo al riguardo. Ho scelto la città di Novi triste per me stesso e voglio fare qualcosa per la comunità qui”.

"Sai, chiunque può parlare, ecco perché ho voluto fare questo progetto, in modo che possa parlare da solo".

E in effetti il ​​progetto parlava da solo. Dimostrando molta energia e amore da parte dei cittadini, la città di Novi Sad ha conquistato un vero luogo dove tutti si sentono benvenuti, non solo gli appassionati di bici, e chiunque può imparare qualcosa di nuovo, o almeno godere di una piacevole compagnia. E questa era solo la prima tappa di un progetto su larga scala preparato da Simon e dai suoi amici.

"Ci saranno sempre persone intelligenti, che capiscono le cose dall'inizio, ma ci sono anche molte persone innocenti, che guardano la TV, leggono il giornale e ricevono solo le informazioni, le danno per scontate". Attore Rade Šerbedžija (giornali NIN)

Questo commentatore dell'attore più popolare dell'ex Jugoslavia, Rade Šerbedžija, parlava di ignoranza umana quando un giornalista gli ha chiesto come si fosse sentito durante la guerra che ha diviso il suo paese dopo essere diventato persona non grata nella sua stessa patria. Ma queste parole possono applicarsi alla situazione di Simon. Le regole stabilite da coloro che dovrebbero lavorare nell'interesse dei propri cittadini spesso uccidono la creatività e le nuove idee, mentre i "cacciatori di streghe" di cui parlava Šerbedžija scompaiono dopo approfondite ricerche.

"Non credo che sia solo la Serbia, è il mondo intero. Il mondo di oggi è molto materialista e superficiale. Spero sinceramente che le cose cambino e si spostino verso l'attivismo e cose più importanti. Ci sono sempre momenti di tolleranza e comprensione seguiti dall'ignoranza e l'odio è responsabilità di tutti per scuotere un po' le cose. Penso che sarà sempre così, indipendentemente dal sistema o dal paese in cui viviamo. ”

Nel periodo precedente la pubblicazione di questo testo, Simon e la sua famiglia si sono trasferiti a Graz e hanno in programma di espandere il progetto. Una delle fondatrici dello "Scambio culturale", Anna, continua a guidare il progetto a Novi Sad. L'autore del testo è stato in grado di identificare progetti simili al "Laboratorio di biciclette" in Spagna e Portogallo. Il futuro ci appartiene o confermeremo le teorie secondo cui la nostra generazione Y, cresciuta con l'evoluzione tecnologica e un approccio facilitato all'informazione e alla conoscenza, non è riuscita a rendere migliore il mondo in cui viviamo?

Parla: serbo, inglese, portoghese, spagnolo

L'Europa è una regione ricca di cultura, storia e tradizione. Come una paella spagnola: un miscuglio di un po' di ciascuno, con un risultato piacevole e appagante.


Poliamore - Tre prospettive

Ultimamente, il concetto di poliamore circola ovunque sulla stampa. Il concetto di base: avere più di una relazione. Ma cosa significa per coloro che sono coinvolti, come ci si sente & # 8211 e cosa spinge le persone a iniziare a farlo?

Amare più di una persona non è di per sé un problema. Funziona nelle famiglie e potresti anche avere più di un amico. Ma non appena si pone il problema delle relazioni, molti diventano scettici. Quelle persone possono essere “multipli” anche in questo contesto? Coloro che vivono nel poliamore non vedono questo come un problema.

La parola poliamore deriva dal greco per "molti / molti" (poli) e dal latino per "amore" (amore) - Wikipedia può dirlo. Ma non dire nulla sulla parte davvero interessante: com'è avere più partner? Quand'è che il tuo ragazzo va a letto con un'altra donna? Perché le persone dovrebbero farlo?

Il concetto di fondo, la possibilità di "più amore", è evidente. Ma come funziona in pratica un'idea del genere dipende da ogni individuo, quindi ascoltiamo direttamente da loro.

"Voler controllare e manipolare le altre persone è ingiusto ed egoista".

Daniela (nome cambiato), 31 anni, di Amburgo

Questa è la mia prima relazione poliamorosa. Non ho mai sentito parlare di relazioni non monogame (a parte qualche contesto religioso) fino a quando un amico, interessato ad avere una relazione con me, mi ha raccontato delle relazioni che aveva. Ero affascinato e ho pensato: "Perché no?" Quel "perché no?" si è trasformato in un "Ehi, questa cosa funziona davvero!" Al momento sono una "foglia" nel contesto delle relazioni poligame esistenti. Ciò significa che il mio partner ha più di un partner.

Ho solo una relazione e finora ho avuto un solo partner, ma sono aperto al riguardo, non ordino le persone della mia vita in base a nessuna classifica, sono tutte uniche e importanti a modo loro. Penso anche che farei una distinzione tra le mie varie relazioni se ne avessi più di una, come fanno le persone. Nella migliore delle ipotesi, per ragioni pratiche, qualcuno potrebbe ricevere un trattamento preferenziale se si ammala, ad esempio, o se alleviamo dei figli.

Durante le mie esperienze poliamorose, mi sono confrontato con l'idea che tutti contano. Capisco che chiedere di avere qualcuno sotto la tua scarpa o di controllare il comportamento e i sentimenti dell'altro è estremamente ingiusto ed egoista. Il poliamore fa sì che le persone in una relazione comunichino bene tra loro su molti livelli diversi.

I problemi che possono derivare dalla gelosia non esistono solo nel poliamore: è un problema che si verifica in altri contesti, come la carriera, l'amicizia o la monogamia. Ha le sue radici in un sentimento di insicurezza, dalla sensazione che "sei sostituito" o "insufficientemente buono". Inoltre, sebbene una comunicazione efficace sia essenziale per evitare questi sentimenti di insicurezza, è necessaria anche una certa indipendenza per prosperare nelle relazioni poliamorose. A volte sono anche geloso, ma poi cerco di capire la causa di questi sentimenti e ne parlo con il mio partner.

In passato ho spesso affrontato reazioni molto veementi al mio tipo di relazione. Le persone fanno supposizioni: pensano che io non sia in grado di impegnarmi in una relazione "reale", che le mie relazioni siano "innaturali" o che stia solo cercando di essere "ribelle". La maggior parte del mio gruppo di amici e la mia famiglia non sanno che ho una relazione poligama e ho ancora delle riserve quando si tratta di dire a persone che non fanno parte della "comunità" come sono le mie relazioni.

Ma in linea di principio, la decisione di condurre una vita poligama non riguarda lo stile di vita, quanto piuttosto la moralità: non voglio "tenere nessuno sotto le mie scarpe" e non credo che il mio partner mi appartenga. Alla fine, voglio che il mio partner faccia ciò che gli piace, e se questo significa avere più partner, allora va bene.

"È solo più logico: tutte le persone coinvolte conducono una vita più appagante"

Sarà stato circa 10 anni fa: mi sono imbattuto in un articolo o in un post di blog che descriveva quello che facevo da tempo e lo chiamavo "poliamore". Ho pensato: "Oh, è così che si chiama".

Ho vissuto una vita poligama quasi dall'inizio, solo che non sapevo si chiamasse così. Non ho mai capito perché dovresti poter amare una persona nel contesto di una relazione, ma puoi, ad esempio, "amare" diversi membri della famiglia o avere tutti gli amici che vuoi. Una volta ho avuto una relazione e ho incontrato un'altra donna meravigliosa, che aveva anche una mente molto aperta e aveva le nostre stesse opinioni sulle relazioni, quindi le ho dato una possibilità.

Per me le relazioni differiscono principalmente perché sono con persone diverse.Anche se sembra banale, ogni essere umano è unico e stando con persone diverse imparo molto su me stesso, su di loro e su altre cose interessanti. Condivido semplicemente molte vite e spesso ho esperienze straordinarie che non avrei mai avuto da solo. Alcune relazioni avvengono a causa di circostanze esterne: sei nella stessa città, vivi insieme e così via. - mentre altri durano poco. Ma non direi che alcuni sono più importanti per me di altri.

Per me, il poliamore sembrava, e sembra tuttora, semplicemente più logico di altri modelli di relazione. Eviti tutte le gelosie e le pretese di proprietà e tutte le persone coinvolte conducono una vita molto più appagante, perché puoi divertirti con altre persone, perché nessuno può soddisfare tutti i tuoi desideri da solo o semplicemente perché così aumenta la probabilità che uno dei tuoi partner lo faccia. essere disponibile quando lo sei.

Mi sembra che la gelosia sia priva di significato ed egoista e non l'ho mai capito. Altri hanno personalità diverse e non possono fingere di essere lì per me. Inoltre, non mi definisco in base a come gli altri si sentono su di me. Sono felice di avere tempo da trascorrere con persone meravigliose e voglio che siano il più felici possibile. Il fatto che a un certo punto si sentano meglio con altre persone non pone alcun problema.

Penso che la sfida più grande sia il tempo e la distanza: se lavori a tempo pieno, non hai abbastanza tempo libero e non puoi godertelo in modo altrettanto flessibile. Se non tutti i tuoi partner vivono nella stessa città, la distanza diventerà un grosso problema organizzativo quando dovrai incontrarti, il che può essere frustrante, sebbene la tecnologia attuale faciliti in qualche modo la comunicazione.

Quando altre persone scoprono di condurre uno stile di vita poligamo, la maggior parte reagisce positivamente e vuole saperne di più. Sebbene sia più facile per me come uomo bianco, per lo più eterosessuale, il fatto che io abbia diverse relazioni simultanee è generalmente visto positivamente - purtroppo è molto più difficile per le donne. Le reazioni più negative che ho ricevuto sono più dalla sfera "Beh, questo non fa per me". Ma ho una mentalità molto aperta, quindi forse le persone che lo trovano completamente strano possono semplicemente mantenere le distanze.

"È come se ti avessero dato qualche senso in più"

Quando ho sentito parlare per la prima volta del poliamore, è stato difficile per me immaginare che sarebbe stato per me. Poi ho incontrato una donna che mi ha detto la prima volta che mi ha incontrato che aveva uno stile di vita poligamo. L'ho trovato molto confuso: come puoi stare con più persone contemporaneamente? Ricordo ancora come mi raccontò di una delle sue amiche che era arrabbiata per un ex ragazzo che avevano in comune e che disse che il poliamore a volte può essere una sciocchezza. Il mio conoscente gli ha detto: “Il poliamore non è il problema. Lui è un problema». Allora ho capito che le relazioni poli non erano esattamente il tipo di relazione più semplice. Sono reti di relazioni complesse e tutti i soggetti coinvolti devono essere responsabili e onesti gli uni con gli altri.

Personalmente, all'epoca, non volevo averci niente a che fare. Poliamorul mi s-a părut întotdeauna că sună ca și cum “nu vrei să îți iei niciun angajament”. Dar ulterior s-a întâmplat ceva care m-a făcut să-mi schimb părerea: am întâlnit o femeie și mi-a dat imediat impresia că e minunată. Dar am observat că era cu cineva. “Ei bine”, m-am gândit, “e luată” – până a început să flirteze cu mine într-un mod foarte evident. Câteva zile mai târziu am avut prima noastră întâlnire. Mi-a spus încă de la început că trăia în stilul poligamic. Și mi-a fost clar că nu ar vrea o relație monogamă. Așa că m-am hotărât să încerc.

Eram convins că dincolo de orice alte motive făceam asta pentru că mă simțeam atât de puternic atașat de femeia asta. Pur și simplu nu exista o altă opțiune. Dar în același timp eram curios. Din păcate, relația nu a durat mai mult de un an, dar cu toate astea a fost o experiență foarte intensă și am învățat multe despre mine.

În cele din urmă, relațiile diferite sunt ca prieteniile: chiar și atunci când cu unele o las puțin mai moale din cauza unui program încărcat sau pentru că locuim la mare distanță, fiecare e importantă pentru mine, pentru că fiecare e unică. A fost la fel cu experiențele mele poligame, doar că asta implica sex și mult mai multă intimitate. În același timp, nivelurile au devenit mai distincte: sexul nu e doar sex, iar intimitatea nu e doar intimitate. Cu fiecare dintre aceste femei experiența a fost diferită atât din punct de vedere fizic, cât și emoțional.

Pentru mine, ceea ce e diferit la poliamor e principiul esențial de deschidere: nu sunt constrâns și în același timp restricționat. E ca și cum mi s-ar mai fi dat niște simțuri în plus care îmi permit să ajung să-i cunosc pe oameni într-un mod complet diferit. În același timp, această deschidere mi-a schimbat părerea despre femei: acum când mi se pare că o femeie e atractivă, o simt ca pe o expresie a aprecierii și uimirii. Nu e neplăcut – dimpotrivă! Și simt că se vede.

E adevărat că gelozia e o problemă. Dar o poți rezolva. Pentru mine, a fost primul conflict major cu care a trebuit să mă confrunt: prietena mea a stabilit să întâlnească un alt partener și știam că se vor culca împreună. Eram nebun de gelozie! Apoi m-am întrebat de ce mă deranja atât de mult. Chiar trebuia să fiu gelos? Era asta ceva ce voiam să simt? Serios, e doar o formă extremă de invidie. Trebuie să fiu invidios? Apoi am realizat că gelozia ține de fapt mult mai mult de nesiguranța personală. Apoi mi-am văzut prietena cu celălalt partener al ei și totul părea foarte drăgăstos. Nu mai eram invidios, ci dimpotrivă, mă bucuram pentru ea.

De asemenea, cred că mulți oameni își imaginează că relațiile poligame sunt mult mai complicate decât în realitate. Da, poate deveni foarte complicat și poate să doară foarte tare. Dar asta e situația în orice relație în care iubești cu adevărat o altă persoană. Acum că am spus asta, nu sunt atât de sigur dacă sunt sau nu cu adevărat poli. Sunt aspecte fără de care nu mi-ar mai plăcea să trăiesc. Totuși, în ciuda acestui lucru, îmi doresc un partener cu care să pot petrece mai mult timp decât cu ceilalți. Dar asta e partea grozavă a relațiilor poli: o mare parte din ele chiar nu pot fi definite. Așa că am să las totul să vină pur și simplu la mine și am să văd cum se simte.


Politică de coeziune și Covid-19: Inițiativa de Investiții privind răspunsul împotriva coronavirusului

Politică de coeziune este strategia UE de a promova o dezvoltare uniformă a tuturor regiunilor europene. Prin urmare, obiectivul său principal este consolidarea coeziunii economice și sociale și reducerea disparităților între regiuni. În perioada 2014-2020, politică de coeziune (numită și politică regională) a primit aproximativ 32,5% din bugetul total al UE.


Deserturi tradiționale de Paște în Spania

Semana Santa se aproapie din nou, iar sărbătorile de Paște sunt foarte importante în Spania, sărbătorite anul acesta de pe 28 martie până pe 4 aprilie 2021. La fel ca și în 2020, din cauza focarului de coronavirus din Spania, evenimentele din acest an vor fi cu siguranță puțin diferite. Este puțin probabil să aibă loc tradiționalele parade sombre care de obicei umplu străzile în timpul Sămptămânii Patimilor dar asta nu înseamnă că nu vă puteți bucura de mâncarea tradițională preparată cu ocazia Paștelui din Spania. Puteți chiar să încercați să pregătiți mâncare tradițională de Paște spaniolă acasă!

Acesta este topul celor 9 produse de patiserie și deserturi spaniole care sunt tradiționale în perioada Paștelui și care o să te facă să îți lase gura apă.

Torrijas

Din toate deserturile de Semana Santa în Spania, torrijas (un fel de frigănele) sunt probabil cele mai populare. Sunt felii de pâine înmuiate în lapte, date prin ou, prăjite în ulei de măsline și servite cu zahăr sau scorțișoară pe deasupra. Torrijas se găsesc peste tot, în cafenele și restaurante, și chiar și-n baruri din întreaga Spania în acest moment al anului.

Roscos fritos

Roscos sau rosquillas sunt un fel de gogoși prăjite în ulei, la fel ca și torrijas, iar fiecare regiune a Spaniei are propria versiune a acestui desert. Ele pot fi umplute cu orice, de la cremă de vanilie până la lichior de anason, și pot fi fie crocante sau moi.

Panquemado

Cunoscute și sub numele de panquemao, și cu un nume care se traduce „pâine arsă“, acest desert tradițional de Paști din Valencia poate să nu pară prea apetisant la început, dar odată ce-l vezi și-i miroși aroma dulce, nu te vei putea opri.

Buñuelos de viento

Buñuelos sunt gogoșele mici, dulci, care se consumă în mai multe ocazii pe timpul anului în Spania, deși sunt cele mai tradiționale de Paște și de Halloween. Cele mai gustoase sunt umplute cu cremă de vanilie, iar cel mai bun mod de a le savura este cu o ceașcă de ciocolată caldă alături. Există chiar și o versiune sărată, delicioasă, făcută cu pește cod, care este la fel de tradițională pentru această perioadă a anului.

Pestiños

Acest desert dulce este mâncarea tipică din Andaluzia de Paște. Pestiños sunt pătrățele de aluat împăturite care adesea conțin sherry și lichior de anason pentru un gust puternic și aromat. În mod tradițional, în micile sate din Andaluzia, întreaga populație a orașului se reunește și lucrează în echipă pentru a face împreună pestiños, o tradiție de Paște care scoate în evidență adevăratul spirit al comunității.

Gañotes de Ubrique

O altă tradiție culinară de Paște în Spania se referă la gañotes de Ubrique care arată și sună ciudat și amuzant. Tot de origine andaluză, în special din provincia Cadiz, acestea au formă spiralată, dulci și suculente, orașul Ubrique găzduind chiar propriul concurs de gañote în cinstea acestei rețete locale tradiționale.

Mona de Pascua

Dacă vă gândiți să preparați o masă mare de Paște, o altă idee simplă de mâncare de Paști pentru masa dvs. este Mona de Pascua. Această prăjitură rotundă seamănă cu roscón-ul pe care spaniolii îl mănâncă de Crăciun și este foarte ușor de făcut. Ai nevoie doar de făină, zahăr, ouă și drojdie. Lucrul care face Mona de Pascua diferită de alte prăjituri sunt ouăle fierte puse în aluat pentru decor.

Borrachuelo malagueño

Numele acestui produs de patiserie provine de la cuvântul „beat“ în spaniolă, datorită faptului că acestea sunt umezite în vin înainte de a fi prăjite în ulei și acoperite cu un strat generos de zahăr. Acestea sunt tipice zonei Malaga și se pot găsi în vitrinele oricărei brutării din zonă.

Ouăle de Paște

Pe lângă multele dulciuri și deserturi tradiționale de Paști foarte diferite în Spania față de cele românești, există un lucru pe care îl avem în comun: ouăle de Paști. de ciocolată. Cunoscute în limba spaniolă ca „huevos de Pascua“ sau „huevos de chocolate“, ele sunt oferite copiilor drept cadou de Paște și adesea au un mic cadou înăuntru.