Ultime ricette

I nostri momenti preferiti della cena in televisione

I nostri momenti preferiti della cena in televisione


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Chi ha detto che non si può imparare nulla guardando la TV?

Cosa portare alla festa?

Come sa qualsiasi host o hostess, riunire gli amici per una cena o un cocktail può essere impegnativo. Ma anche essere un ospite può essere gravoso (può essere difficile decidere cosa portare!). Quindi, prima di ospitare - o partecipare - alla tua prossima cena, impara una o due cose da alcune delle nostre personalità televisive preferite. Ci ringrazierai più tardi.

1. Stai organizzando una cena insieme e non riesci a decidere chi invitare? Lascia che Frasier e Niles ti mostrino come decidere chi fa la lista.

2. Vai a un cocktail party e ti chiedi di cosa parlare? Segui l'esempio di Penelope quando fai due chiacchiere con gli altri ospiti.

3. Quando organizzi una cena, potresti sapere di scegliere saggiamente la lista degli invitati. Ma quando ne stai frequentando uno, hai mai pensato di considerare chi? il tuo ospite è?

4. Organizzare la cena per i suoceri può essere stressante, specialmente quando si è una strega.

5. Non sei invitato a quella cena esclusiva? Lascia che le signore di Days of Our Lives ti mostrino quanto è rovinata una festa veramente fatto.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody in pettorina. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vaniglia) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio.Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan.Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


I 50 migliori momenti food-on-film di tutti i tempi

Rompi l'argenteria per l'elenco di TONY di grandi larve catturati dalla fotocamera.

In tempo per l'annuale NYC Food Film Festival, abbiamo raccolto i nostri 50 momenti preferiti di cibo su film di tutti i tempi. Questa non è una lista dei nostri film preferiti incentrati sul cibo e anche se graffette come Grande notte e Il banchetto di Babette hanno fatto il taglio. Invece, abbiamo ampliato la gamma per scegliere scene di tutti i generi che semplicemente ci hanno fatto brontolare lo stomaco, avere fame e occasionalmente disgusto. Pensi che abbiamo rovinato la zuppa? Metti giù il coltello da bistecca e dicci il perché nei commenti. Oppure urlaci su Twitter (@thefeednyc) utilizzando l'hashtag #foodonfilm.

Toro scatenato (1980): La bistecca alla brace

Una bistecca troppo cotta accende l'ira del pugile Jake LaMotta nel violento film sportivo di Martin Scorsese. La belligerante cucina sul sedile posteriore di Robert De Niro ("Lo cuoci troppo, non va bene. Vanifica il suo stesso scopo") e il furioso ribaltamento del tavolo sono roba da far tintinnare le ossa, ma consideriamo brevemente una reazione simile ogni volta che un ristorante ci presenta una fetta di manzo incenerita . Guarda la clip.

Annie Hall (1977): Aragoste bollite

Il disastroso tentativo di Woody Allen e Diane Keaton di bollire le aragoste vive cattura perfettamente i sentimenti contrastanti che affrontiamo ogni volta che immergiamo quei crostacei disgustosi ma deliziosi nell'acqua rovente: allegri ma colpevoli, rapaci e un po' terrorizzati. Peccato non riuscire a vedere Woody con un bavaglino. Guarda la clip.

The Hours (2002): Separare le uova

Anche se Meryl Streep avrebbe continuato a interpretare la chef francofila Julia Child nel 2009 Julie & Julia, ha attirato la nostra attenzione in cucina sette anni prima in questo drama. Streep&mdash, che interpreta un travagliato editore di New York che pianifica una festa per un amico alla fine della sua vita, è più commovente quando separa meticolosamente le uova, concentrandosi intensamente sul compito anche se minaccia di rompersi.

Corsa all'oro (1925): La danza del rullo

L'iconica danza della cena di Charlie Chaplin è stata replicata e parodiata così tante volte che è incredibile che l'articolo genuino abbia ancora le gambe. (Rim shot!) Sebbene Chaplin non sia stato il primo a provare il bavaglio (Fatty Arbuckle ha schierato un'acrobazia simile nel film del 1917 La casa ruvida), l'interpretazione del balletto da tavolo del Vagabondo che agita le sopracciglia e alza le spalle è insuperabile. Guarda la clip.

Quei bravi ragazzi (1990): Cena in prigione

"Beyond the Sea" canticchia in sottofondo mentre Paulie, Vinnie e Johnny Dio preparano la cena nel tintinnio. Questi gangster mangiano meglio in prigione di quanto la maggior parte di noi faccia fuori: aglio affettato così sottile con una lametta da "liquefare in padella con poco olio", aragoste ghiacciate, bistecca scottata in padella, vino, scotch e salsa di pasta che è un tocco troppo cipolla. Guarda la clip.

Il Padrino (1972): la ricetta della salsa di pomodoro

L'unico splatter rosso più onnipresente del sangue nei film di mafia potrebbe essere il sugo per la pasta. Coloro che desiderano creare il proprio trarrebbero vantaggio da una visione ravvicinata dell'originale Padrino. Capo Peter Clemenza&mdashlo stesso trencherman che pronuncia la frase "lascia la pistola, prendi i cannoli" altrove nel film&mdashoffre una ricetta decente per il sugo della domenica: "Si inizia con un po' d'olio. Poi si frigge un po' d'aglio. Poi ci si butta dentro un po' di pomodori, concentrato di pomodoro, lo friggi facendo attenzione che non si attacchi. Lo fai bollire e ci metti dentro tutta la tua salsiccia e le tue polpette. E un po' di vino, e un po' di zucchero & mdash questo è il mio trucco. " Guarda la clip.

C'era una volta in America (1984): La Charlotte Russe

Patrick "Patsy" Goldberg ha un piede nella sua giovinezza e l'altro nell'età adulta quando si avventura a scambiare una torta bianca charlotte russe&mdasha condita con panna montata e una ciliegia al maraschino&mdash per favori sessuali nell'epopea criminale di Sergio Leone. Prende la confezione da cinque centesimi da una panetteria locale ("per quella da due centesimi ti fa solo una sega, posso farlo da solo") e la porta a Peggy, una prostituta minorenne. Lui sventa la sua possibilità di concludere l'affare mentre l'aspetta sulla tromba delle scale, strofinando dita di crema dalla torta e alla fine divorando la cosa in pochi morsi disperati. Guarda la clip.

Pulp Fiction (1994): $ 5 shake

Una ragazza così bella e sfacciata come Mia Wallace sceglierebbe davvero un ristorante come quello di Jack Rabbit Slim per il suo finto appuntamento con Vincent Vega? Non ne siamo così sicuri. Tuttavia, il ristorante a tema immaginario degli anni '50 è un ambiente ricco e bizzarro per il nostro preferito? Pulp Fiction momento del cibo L'opinione di John Travolta sul fatto che lo stravagante frappè "Martin and Lewis" (vanilla) di Mia valga il suo cartellino del prezzo di $ 5: "Dannazione, è un frappè piuttosto buono". Guarda la clip.

Cool Hand Luke (1967): 50 uova sode in un'ora

Grazie alle gesta di famosi mangiatori competitivi come Takeru Kobayashi, raramente siamo più abbagliati da atti di gola. Ma il colpo da 50 uova a torso nudo di Paul Newman in questo dramma carcerario brilla ancora. Nei panni dell'invincibile Lucas Jackson, Newman si guadagna il rispetto dei suoi compagni di prigione divorando 50 uova sgusciate fino a quando il suo stomaco non si dilata, come le parole di un prigioniero, "come un cocomero maturo che sta per rompersi". Guarda la clip.

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962): Ratti a pranzo

Joan Crawford, nei panni di Blanche costretta sulla sedia a rotelle, e Bette Davis nei panni di sua sorella malvagia e custode violenta, Jane, si affrontano in questo thriller deliziosamente perverso. Quando la Jane in rapido disfacimento serve a Blanche il suo pranzo sotto una cupola d'argento, sai solo che è in corso un gioco sporco. La reazione stridula e isterica di Blanche al pasto e mdasha succosa, coda e tutto ratto e mdashi è divertente e contorto. Guarda la clip.

La febbre del sabato sera (1977): Fette di pizza a doppio strato

Il pranzo non può rallentare Tony Manero nella sequenza di apertura di Febbre del sabato sera. Osserva John Travolta mentre si pavoneggia al ritmo di "Stayin' Alive", addentando due fette di pizza impilate l'una sull'altra. Non abbiamo visto mosse del genere da quando abbiamo visto per la prima volta il fold-hold. Guarda la clip.

Tampopo (1985): Il tuorlo d'uovo

In cima a qualsiasi lista di filmografia food=nerd c'è la commedia di Juzo Itami, un tributo giapponese al ramen e alla cultura e all'erotismo del cibo. Sebbene gli sforzi del personaggio del titolo per salvare il suo negozio di ramen in difficoltà siano accattivanti, i nostri momenti preferiti provengono da una sottotrama che coinvolge la fantasiosa vita sessuale di un gangster della yakuza e della sua compagna. Si passano in bocca un tuorlo d'uovo senza romperlo lui le spruzza i capezzoli di succo di limone e fa contorcere un gambero vivo contro la sua pancia nuda. Le loro imprese sono tanto appetitose quanto stuzzicanti. Guarda la clip.

Julie & Julia (2009): Sole meunière

Il primo incontro trasformativo di Julia Child con sole meunière a La Couronne a Rouen, in Normandia, è leggenda. La bambina definì il pasto del 1948 il più eccitante della sua vita e l'epifania di Mdashan. Meryl Streep ricrea il momento con la dovuta riverenza e gioia nel lungometraggio di Norah Ephron, gemendo e ridacchiando a ogni boccone succulento e unto.

The Jerk (1979): "Portaci del vino fresco!"

Il buffone dei nuovi ricchi Navin Johnson vuole un'altra bottiglia di vino, ma uno Chteau Latour del 1966 non va bene. "Portaci del vino fresco", inizia la richiesta incosciente di Navin nella commedia di Steve Martin. "Il più fresco che hai quest'anno! Basta con questa roba vecchia!" Stiamo ancora lavorando sulle pietre per provare noi stessi questa acrobazia su un sommelier soffocante. Guarda la clip.

I Goonies (1985): Baby Ruth!

Sloth e Chunk si legano per il loro affetto condiviso per choooclaaate nel classico film I Goonies. Quando Chunk lancia al suo compagno orribilmente deforme la barretta di cioccolato (lo colpisce in fronte e Sloth rompe le catene per raccoglierlo), si forma un'amicizia fondamentale. Punti bonus per il cameo di Julia Child e sta glassando una torta su un televisore in sottofondo. Guarda la clip.

Pan # 039s Labyrinth (2006): Uomo pallido che mangia bambini

In questa scena della fantasia di Guillermo del Toro, la giovane eroina Ofelia deve recuperare un pugnale senza svegliare l'"Uomo Pallido", un mostro mangiatore di bambini che siede in silenzio davanti a un banchetto opulento. Vediamo enormi prosciutti sormontati da anelli di ananas, scintillanti crostate di frutta, caraffe di vino e cesti di melograni e uva&mdasha splendidamente in stile spalmabile. Guarda la clip.

The Great Outdoors (1988): The Old 96er

La classica commedia degli anni '80 di John Candy e Dan Aykroyd è forse la più memorabile per questa scena gastronomica disgustosa, un grande invio di golose porzioni da ristorante americano. Come se l'ordine della moglie di un "secchio di insalata" e "il miscuglio di pesce persico" non fosse abbastanza assurdo, Chet (Candy) decide di affrontare l'Old 96er: una bistecca di manzo stagionata da 96 once ispirata al blu di Paul Bunyan bue. Ti sfidiamo a mostrarci un attore che fa sudore di carne proprio come John Candy. Guarda la clip.

Maria Antonietta (2006): I dolci Ladurée

Pochi discuterebbero con l'affermazione che lo stile vince sulla sostanza nel libero adattamento di Sofia Coppola della storia di Maria Antonietta. Ma se sei un debole per i dolci, il trattamento sdolcinato, video musicale e in stile della rivoluzione francese dà il tono perfetto per la vera attrazione del film: un serio porno di pasticceria, per gentile concessione della famosa panetteria francese Ladurée. I dessert sontuosi e colorati della pasticceria & mdashburnish canelé, preziosi petit four, millefoglie immacolate e immacolate circondano Marie (Kirsten Dunst) costantemente, riflettendo la sua vita di privilegio ricoperta di caramelle. Il nostro consiglio: dirigiti alla location newyorkese di Maison Ladurée (864 Madison Ave tra 70th e 71th Sts, 646-558-3157) e afferrare una scatola di haute macarons per una festa di osservazione. Guarda una clip.

American Psycho (2000): Prenotazioni a Dorsia

Le prenotazioni giocano un ruolo chiave in questo adattamento del romanzo satirico oscuro di Bret Easton Ellis: Dove stai mangiando e più chi c'è con te e se c'è un buon bagno dove fare la coca è sempre più importante di quello che c'è nel piatto per gli anni '80 Wall Street scrive il il film ritrae. Ma mentre è facile sorridere a Patrick Bateman (Christian Bale) e al suo patetico tentativo di ottenere prenotazioni al mitico Dorsia ("Great sea urchin ceviche"), i sentimenti di insignificanza sono familiari a chiunque abbia provato a navigare nelle rare sale da pranzo di New York. L'unica differenza è che, in questi giorni, la risata beffarda dall'altra parte della linea è stata sostituita dal sito web di Momofuku Ko che ti dice: "Mi dispiace, ma al momento non ci sono prenotazioni disponibili". Guarda la clip.

Rocky (1976): Uova crude

È impossibile smettere di contare nella tua testa mentre Rocky Balboa (Sylvester Stallone) rompe non una, non due, ma cinque uova crude in un bicchiere e le tracanna alle 4 del mattino prima di uno dei suoi epici allenamenti di Philly. Non è un bel vedere, come il glug allungato, il gocciolio di tuorlo d'uovo sulla felpa, il rutto forzato, ma mangiare come un campione dei pesi massimi raramente lo è. Guarda la clip.

Ratatouille (2007): Anton Ego assaggia la ratatouille

Se riesci a superare il prurito istintivo dei topi in cucina, il brillante gioco di roditori della Pixar è una delizia per i gastronomi. La scena culminante, in cui il critico sfinito Anton Ego addenta finalmente la ratatouille di Remy, è un bellissimo inno al potere trasportatore del cibo: in un solo momento, gli occhi di Ego si spalancano e il resto del ristorante scompare mentre viene riportato alla sua infanzia casa in campagna, dove sua madre cucina per lui. Mangiamo alla ricerca di questi bocconi efifanici, capaci di innescare risposte emotive che hanno a che fare tanto con il modo in cui un piatto ti fa sentire quanto con il suo sapore. Guarda la clip.

Pagato per intero (2002): cinese e champagne

Dalla pronuncia errata di salsa di soia di Cam'ron ("Mitch, Mitch, Mitch & mdashfuck the soo-ee sauce, man!") All'esuberante stile alimentare di Mekhi Phifer, questa cena saggia ci dà un'idea degli stili nouveau riche dell'era del crack imbroglione ad Harlem. Ace (Wood Harris) e i suoi compari possono permettersi di fare un po' di spumante, indossare maglioni Gucci e corde d'oro e scommettere $ 5.000 su chi può gettare una borsa marrone appallottolata nel cestino della spazzatura e mangiano ancora riso fritto e costine dall'angolo da asporto cinese macchiare. Guarda la clip.


Guarda il video: Momen Lucu Luffy Makan Bersama Shirahoshi (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Gorg

    Il portale è eccellente, lo consiglierò ai miei amici!

  2. Nakasa

    C'è qualcosa in questo. Grazie per l'aiuto in questa materia, penso anche che più semplice è il meglio ...

  3. Jalal

    L'argomento è interessante, prenderò parte alla discussione. Insieme possiamo arrivare alla risposta giusta. Sono sicuro.

  4. Meztishura

    sorprendentemente, questa è la risposta divertente

  5. Daguenet

    Any other options?

  6. Felan

    Confermo. Era anche con me.



Scrivi un messaggio